Statistiche di download e di utilizzo delle app per smartphone iOS e Android (aggiornamento 2020)

Condividi questo articolo:


Con oltre 2,7 miliardi di utenti di smartphone in tutto il mondo, non c’è da stupirsi che l’industria delle applicazioni mobili stia prosperando. L’utilizzo delle app e la penetrazione degli smartphone continuano a crescere a un ritmo costante, senza segni di rallentamento nel prossimo futuro.

Ora si sommano gli 1,35 miliardi di utenti di tablet in tutto il mondo, un numero che è raddoppiato negli ultimi sei anni.

Se vi prendete un secondo per alzare lo sguardo dal vostro telefono durante il giorno, sono sicuro che noterete che anche tutti gli altri hanno gli occhi incollati a un dispositivo mobile.

Infatti, gli studi dimostrano che l’americano medio controlla il proprio telefono ogni 12 minuti. Il 10% delle persone controlla il telefono una volta ogni quattro minuti.

Noi usiamo il telefono al lavoro, a casa, per strada, mentre mangiamo, a letto e persino in macchina. Forse lo state leggendo da un dispositivo mobile in questo momento.

Cosa fanno tutti al telefono? Beh, il 90% del tempo trascorso sul cellulare viene speso in app.

È una notizia incoraggiante per chiunque possieda un’app o abbia intenzione di svilupparne una. Ma per avere successo in questo spazio, devono succedere due cose.

  • Gli utenti devono scaricare la vostra app.
  • Gli utenti devono utilizzare la vostra app.
  • Queste due azioni apparentemente semplici sono ciò che mi ha ispirato a scrivere questa guida. Certo, sappiamo che le persone usano le app più che mai.
  • Ma questo è solo un grattare appena la superficie in termini di dati disponibili su questo utilizzo. Non si può sviluppare un’app basata solo su queste informazioni.

È come dire: “Alla gente piace mangiare, quindi aprirò un ristorante”.

Se volete competere e rivendicare la vostra quota di questo settore multimiliardario, dovete avere una migliore comprensione di come le persone stanno scaricando e utilizzando le applicazioni mobili.

Utilizzate la ricerca che ho identificato in questa guida per aiutarvi a sviluppare o migliorare la vostra applicazione mobile.

Statistiche sulle app per iOS e Android nel 2020

  • Si prevede che le applicazioni mobili genereranno un fatturato di 189 miliardi di dollari entro il 2020.
  • L’Apple App Store ha 2,2 milioni di app disponibili per il download.
  • Ci sono 2,8 milioni di app disponibili per il download su Google Play Store.
  • Il 21% dei Millennials apre un’app più di 50 volte al giorno.
  • Il 49% delle persone apre un’app più di 11 volte al giorno.
  • Il 57% dell’utilizzo di tutti i media digitali proviene da app mobili.
  • Il proprietario medio di uno smartphone usa 30 app al mese.

Download di app mobili

Le applicazioni non possono avere successo senza download.

Sembra semplice, ma troppo spesso i proprietari delle app trascurano questo aspetto. Potresti avere la migliore app del pianeta, ma se nessuno la sta scaricando non guadagnerai un centesimo.

Quindi, prima di poter convincere la gente a scaricare la tua app, devi prenderti il tempo necessario per condurre una ricerca adeguata. Per iniziare, ho trovato le statistiche di download delle app mobili più rilevanti per il 2020.

Download globali di app nel 2020

In tutto il mondo si usano smartphone e tablet.

Con l’aumento della popolarità dell’utilizzo delle app mobili, aumenta anche il numero di download di app in tutto il mondo.

Stiamo assistendo a una crescita dei download di applicazioni ogni anno. Questa tendenza continuerà anche nei prossimi anni.

L’anno scorso ci sono stati più di 205 miliardi di download di app. Si tratta di un aumento del 15% rispetto all’anno precedente.

Come si può vedere dal grafico, gli esperti prevedono un aumento del 25% dei download di app a livello globale tra il 2018 e il 2022. Quindi non ci aspettiamo di vedere un tasso di crescita costante del 15% su base annua come abbiamo fatto dal 2017 al 2018.

App gratuite vs app a pagamento

Quando si crea un’applicazione mobile, una delle prime cose da capire è la strategia di monetizzazione.

È per questo che state creando un’app, giusto? Per fare soldi.

La ricarica per il download delle app potrebbe essere una cosa che vi è passata per la testa. Ma la gente scaricherà la vostra app se la farete pagare?

Questo confronto visivo mostra chiaramente ciò che le persone stanno scaricando. La stragrande maggioranza dei download globali sono tutti gratuiti.

Infatti, il 98% delle entrate delle app in tutto il mondo proviene da app gratuite. Solo una piccola parte delle persone è disposta a pagare per i download.

Non fraintendetemi, non sto dicendo che dovreste scartare completamente l’idea di lanciare un’app a pagamento. A seconda del tipo di app che avete, ci sono vantaggi per entrambe le strategie.

Se inizialmente si paga per il download, meno utenti mobili scaricheranno l’app. Questo perché la maggior parte delle persone è abituata a ricevere download gratuiti.

Basta guardare il proprio dispositivo mobile. Avete delle app che avete pagato per installare? Se ce l’hai, sei in minoranza.

Tuttavia, le persone che scaricano le app a pagamento hanno più probabilità di essere impegnate. Non spenderanno soldi per qualcosa e poi non la useranno mai.

Ma non c’è bisogno di far pagare i download per fare soldi con la tua app.

Per chi possiede un’azienda esistente e ha un’applicazione come estensione di tale azienda per migliorare l’esperienza del cliente, dovrebbe sicuramente offrire il download gratuito.

Anche se state lanciando un’applicazione come un’attività completamente nuova, potete comunque fare soldi offrendo la vostra applicazione gratuitamente. Ci sono un sacco di altre strategie di monetizzazione, come l’offerta di acquisti in-app.

Se stai usando la tua app per vendere prodotti o servizi, consulta le ultime statistiche sull’utilizzo e sulle entrate dell’e-commerce mobile.

Google Play vs. App Store Downloads

Ci sono luoghi in cui la stragrande maggioranza degli utenti di telefonia mobile scarica le applicazioni.

Gli utenti con dispositivi iOS scaricano le app per iPhone dall’Apple App Store, mentre gli utenti Android scaricano le app dal Google Play Store.

Guardate come queste due piattaforme si confrontano tra loro in termini di download di app globali.

In tutto il mondo, ci sono più download dal Google Play Store. Ma come potete vedere, entrambi i negozi hanno visto un aumento della percentuale di download dal 2017 al 2018.

I download del Google Play Store sono cresciuti del 14%, mentre l’Apple App Store ha avuto un tasso di crescita di appena il 3%.

In breve, il Google Play Store ha più download e sta crescendo a un tasso più alto.

Mi aspetto di vedere queste tendenze continuare nel 2020.

Nota: Non sei sicuro di quale piattaforma costruire per prima? Con BuildFire non devi prendere questa decisione. Il processo di sviluppo dell’app BuildFire consente di creare un’app per iOS e Android, contemporaneamente. In questo modo è possibile lanciare su entrambi i punti vendita e guidare i download dal maggior numero possibile di utenti.

Statistiche di download  delle App su Apple App Store nel 2020

Abbiamo già visto come i due app store si confrontano tra loro. Ma ora è il momento di scomporre ulteriormente questi numeri e di dare un’occhiata più da vicino a ciascuna piattaforma.

Cominciamo con le statistiche di download dell’Apple App Store.

Le categorie di App Store più popolari

Affinché la vostra app abbia successo, dovete capire cosa vogliono i consumatori. Questo è particolarmente vero se state costruendo una nuova app.

La vostra app potrebbe essere rivoluzionaria in termini di software o concetto, ma se non c’è mercato per il suo utilizzo, allora avrete difficoltà a ottenere il download.

Per prima cosa, dovreste capire quali sono i tipi di app che vengono scaricati di più. Ecco le categorie più popolari sull’Apple App Store per quota di disponibilità.

La categoria dei giochi domina l’App Store.

Ma a meno che non si stia progettando di costruire una nuova app da zero, probabilmente non si avrà un gioco. Per esempio, diciamo che avete un negozio di e-commerce. Non ha senso lanciare un’app di gioco per il proprio business solo per far sì che la propria app possa rientrare in una categoria più popolare.

La categoria della vostra app deve essere rilevante per lo scopo e le funzioni della vostra app. Quindi, se possiedi un’app per il tuo business o per il tuo stile di vita, non puoi semplicemente categorizzarla come un gioco per cercare di ottenere più download.

Infatti, è contro le linee guida di revisione dell’App Store se non scegliete una categoria per lo scopo principale della vostra app.

Violare questi termini può far rimuovere la tua app dall’App Store. Ovviamente, nessuno sarà in grado di scaricare la tua app se questo accade.

Quindi non cercare di ingannare il sistema. La tua app può comunque avere successo anche se non è in una categoria superiore. Queste categorie hanno più concorrenza. A seconda della vostra strategia, potreste potenzialmente puntare a una categoria di nicchia meno satura e cercare di dominare una quota maggiore di un mercato più piccolo.

Disponibilità dell’Apple App Store

Come ho appena detto, il settore delle applicazioni mobili è altamente competitivo.

Ma con quante app saranno in competizione? Date un’occhiata al numero di app disponibili sull’Apple App Store.

Il numero di app disponibili continua ad aumentare ogni anno.

Sulla base di tutte le statistiche che abbiamo analizzato finora, questo ha senso. Il numero di persone che possiedono dispositivi mobili è più alto che mai e il download di app è ai massimi storici. Quindi è naturale che vengano inviate più app sul mercato.

Ma i numeri di download delle app sono in aumento perché sono disponibili più app? Oppure sono disponibili più app perché ne sono state rilasciate così tante altre?

È difficile da dire, e si possono discutere entrambe le parti. Avremo una migliore comprensione di questo ragionamento dopo aver analizzato il Google Play Store.

Statistiche di download del Google Play Store a Giugno 2020

Ora è il momento di guardare le statistiche di download dai dispositivi Android.

Mi sono preso il tempo di creare un’analisi più approfondita del Google Play Store.

Disponibilità del Google Play Store

Abbiamo appena finito di controllare la disponibilità dell’Apple App Store. Così ho voluto entrare subito nel dettaglio e mostrarvi il numero di app disponibili per il download su Google Play Store.

Come si può vedere, il grafico non ha la stessa traiettoria del grafico Apple per questa stessa categoria. In realtà stiamo assistendo a un calo nella disponibilità delle app dopo la metà del 2017.

Perché sta succedendo questo?

Il Google Play Store è altamente competitivo. Alcune app non sono riuscite a sopravvivere.

Tuttavia, non mi aspetto di vedere questa tendenza continuare in una direzione discendente. Dovrebbe restare a livello e alla fine risalire di nuovo nei prossimi anni.

Come abbiamo già visto, i download di Google Play Store continuano ad aumentare, anche se il numero di app disponibili per il download è diminuito un po’.

Riprendiamo il discorso con la nostra discussione su Apple. I numeri di disponibilità delle app Apple App Store aumentano ogni anno, ma il tasso di crescita dei download è una percentuale inferiore rispetto al Google Play Store. Sulla base di queste informazioni, penso che si possa concludere con certezza che il numero di app disponibili su ogni store non è legato all’aumento complessivo dei download di app.

Le categorie di app più popolari del Google Play Store

È possibile misurare il successo di una categoria di app in base alla penetrazione. Secondo Statista, queste sono le categorie di app con il più alto tasso di penetrazione tra gli utenti Android.

 

  • Tools — 99%
  • Communication — 99%
  • Video players and editing — 96%
  • Travel and local — 95%
  • Social media apps — 95%
  • Productivity — 92%
  • Music — 88%
  • Entertainment — 84%
  • News — 81%
  • Photography — 75%
  • Books — 70%
  • Lifestyle — 65%
  • Personalization — 60%
  • Business — 39%
  • Shopping apps — 35%
  • Weather — 32%
  • Sports — 30%
  • Education — 28%
  • Finance — 25%
  • Health — 23%

Alcune di queste categorie devono essere prese con un granello di sale. Per esempio, guardate le prime tre categorie della lista. Queste applicazioni (come le applicazioni messenger) vengono probabilmente precaricate su tutti i dispositivi Android.

Ma a parte questo, questa lista è una buona indicazione di quali tipi di applicazioni gli utenti Android hanno scaricato (applicazioni come WhatsApp, Snapchat, Netflix, TikTok, Spotify e Tinder). Tuttavia, solo perché un’app è stata installata su un dispositivo, non significa che venga utilizzata. Discuteremo questo concetto in modo più approfondito mentre esamineremo le statistiche sull’utilizzo delle app mobili.

Utilizzo delle app mobili

Ora che avete visto come gli utenti di tutto il mondo scaricano le app, è giunto il momento di analizzare come le persone utilizzano le app mobili.

L’utente medio di smartphone passa 2 ore e 15 minuti al giorno utilizzando le app. Le ricerche mostrano che ci sono tra le 60 e le 90 app installate sullo smartphone medio.

Detto questo, però, le persone non stanno usando tutte queste app. Ecco un’analisi più approfondita di quante apps la gente usa veramente.

La maggior parte del tempo in mobilità viene trascorso utilizzando tre app.

Anche se la persona media utilizza in media 25 app al mese, il 96% di questo tempo è suddiviso in sole dieci app.

Se la persona media ha 60-90 app sul proprio telefono, ciò significa che più di due terzi di queste app non vengono utilizzate ogni mese.

Cosa significa questo? È semplice. La gente scarica le app e non le usa.

Infatti, il 75% delle app viene usato una volta dopo essere stato scaricato e poi non viene più usato.

Ci addentreremo più a fondo nelle statistiche sull’utilizzo delle app mentre continuiamo con questa guida.

Ritenzione delle app mobili e churn

Come avete appena appreso, l’utilizzo delle app non è garantito dopo un download. Alcuni di voi potrebbero esserne consapevoli se la vostra app è già stata immessa sul mercato.

Potreste aver avuto un’impennata iniziale in termini di numero di download, ma state lottando per fare soldi perché la gente non usa l’app. È un problema comune che vedo quando mi consulto con i proprietari delle app.

Il 71% degli utenti delle app rinuncia entro i primi 90 giorni dal download di un’app.

Cosa significa questo per voi e la vostra app?

In sostanza, è necessario tenere traccia di queste metriche. Dare agli utenti un motivo per continuare a tornare e utilizzare la vostra app in futuro.

Non avrai mai il 100% di ritenzione, quindi devi sempre trovare il modo di ottenere nuovi download. Ma, detto questo, non significa che dovreste ignorare gli utenti esistenti.

Se la vostra app non funziona bene e ha problemi, bug o difetti di UX, le persone saranno più propense a rinunciare. Nessuna app è perfetta. Anche le app migliori hanno dei bug di tanto in tanto. Ma è vostra responsabilità identificare questi errori. Procuratevi aggiornamenti e nuove versioni della vostra app per migliorare le prestazioni e l’esperienza dell’utente.

Le app più essenziali

In precedenza abbiamo parlato di popolarità delle app in termini di disponibilità per il download, oltre che di penetrazione per categoria.

Ma solo perché sono disponibili, non significa che vengano utilizzate. Infatti, solo perché sono disponibili per il download, non significa che vengano utilizzate. Abbiamo già visto i dati a sostegno di questa affermazione.

Ora voglio mostrarvi le app di cui gli utenti dicono di non poter fare a meno.

Se si guarda questa lista, ha senso. Tutte le app top sono utilizzate per scopi diversi e potrebbero essere utilizzate quotidianamente.

Amazon per gli acquisti
Gmail per la comunicazione via e-mail
Facebook per i social media
YouTube per i contenuti video
Mappe per la navigazione
A coloro che vogliono sviluppare una nuova app mobile, non posso dire di consigliare di costruire qualcosa che sia in concorrenza con una di queste applicazioni top.

Non c’è niente di male a sparare per le stelle. Potete comunque costruire un’app per il mobile commerce per la vostra attività e avere molto successo. Ma sarebbe una battaglia a dir poco in salita se volessi che la tua app fosse la prossima Amazon.

Potete costruire un’app con i servizi cartografici GPS? Certo, ma supererà Google Maps? Probabilmente no.

Spesa globale di Apple e Android

Come abbiamo visto, ci sono chiaramente alcune differenze di download e di utilizzo tra i dispositivi Apple e Android. Perché?

Beh, gli utenti non sono gli stessi. Se si confrontano gli utenti Apple e Android, si impara che si comportano in modo diverso.

Tanto per cominciare, diamo un’occhiata al modo in cui i consumatori spendono i soldi usando i loro dispositivi.

Nel 2019, l’85% delle vendite globali di smartphone era destinato a dispositivi Android. Apple ha rappresentato solo il 14% di queste vendite.

Tuttavia, anche con una quota di mercato delle app mobili più piccola, gli utenti Apple spendono comunque più soldi.

Anche se la vostra app dovrebbe essere interessante per tutti gli utenti, avrete più fortuna nel convincere gli utenti di iOS ad acquistare upgrade premium e altri acquisti in-app.

Utilizzo delle app mobili in base all’età

L’utilizzo della tecnologia varia a seconda della generazione. L’utilizzo di applicazioni mobili non fa eccezione.

Probabilmente avete dato per scontato che le giovani generazioni passino più tempo ad utilizzare le applicazioni mobili rispetto alle persone più anziane. Se è così, questa supposizione era corretta.

Tuttavia, ciò non significa che non ci si possa rivolgere ad altre fasce d’età. Come si può vedere dal grafico, le persone di età compresa tra i 45 e i 54 anni trascorrono due ore al giorno con le app mobili. Sono solo 36 minuti in meno rispetto alle persone di età compresa tra i 25 e i 34 anni.

Anche gli utenti di telefonia mobile di età superiore ai 65 anni passano ogni giorno 1 ora e 36 minuti utilizzando le app mobili.

Utilizzo delle app mobili per dispositivo

Non tutti gli usi del cellulare vengono creati allo stesso modo. Oltre alle differenze tra i sistemi operativi, l’utilizzo varia anche in base al tipo di dispositivo mobile utilizzato.

Utilizzo delle app per smartphone

I contenuti digitali possono essere consumati da così tanti dispositivi.

La gente ha smartphone, tablet, computer desktop e laptop. Si può anche accedere a contenuti e applicazioni da smart TV, orologi, dispositivi domestici intelligenti e veicoli intelligenti.

Ma ci sono alcune categorie che sono dominate dall’uso delle app per smartphone. Queste sono le categorie principali per le quali le persone si rivolgono ai loro smartphone.

Negli Stati Uniti, il 96% del tempo digitale utilizzando le mappe proveniva da smartphone. L’86% dei contenuti meteo digitali è stato consumato attraverso le app degli smartphone.

Logicamente, ha senso. La gente ha bisogno di accedere alle mappe e ai servizi GPS in movimento, quindi uno smartphone è ovviamente la scelta migliore.

Ma se si guarda più in basso in questa lista, si vedranno altre categorie che non sono così evidenti.

Ad esempio, il 47% dei consumi al dettaglio proviene dalle app per smartphone. Le persone hanno così tanti modi per acquistare online, eppure scelgono comunque di usare gli smartphone a un prezzo elevato.

Le notizie e le informazioni sono un’altra categoria che mi salta all’occhio. Mentre l’utilizzo degli smartphone è di poco superiore al 40%, è ancora alto considerando tutte le altre piattaforme e i punti vendita a nostra disposizione.

Smartphone vs. tablet

Anche gli smartphone e i tablet presentano alcune differenze.

Se si ricorda da prima, in tutto il mondo ci sono il doppio degli smartphone rispetto ai tablet (2,7 miliardi contro 1,35 miliardi). Ma l’utilizzo dei tablet sta iniziando a recuperare il ritardo rispetto agli smartphone.

Le persone scaricano più applicazioni sul proprio smartphone e utilizzano mensilmente più applicazioni per smartphone. Ma come si può vedere dal visual, i tablet non sono troppo indietro.

Considerando il fatto che gli smartphone sono apparentemente sempre a portata di mano, ha senso che vengano usati di più.

Tuttavia, i tablet superano di un pelo gli smartphone quando si tratta di app a pagamento o di acquisti in abbonamento tramite un’app. Questa potrebbe essere una categoria che i tablet continueranno a controllare negli anni a venire.

Utilizzo delle App per paese (aggiornato a Giugno 2020)

Come quasi tutto il resto, il comportamento cambia in base al luogo. Questo stesso concetto può essere applicato all’utilizzo delle app.

Daremo un’occhiata e analizzeremo come le persone in diverse parti del mondo utilizzano le app mobili. Potrete utilizzare queste informazioni per conoscere il pubblico a cui vi rivolgete, o vedere potenzialmente un’opportunità in nuovi mercati.

Numero di app utilizzate

Ecco uno sguardo al numero di applicazioni utilizzate ogni mese in diversi paesi.

Il Giappone e la Cina hanno il più alto numero medio di applicazioni installate su smartphone. Tuttavia, la percentuale di applicazioni utilizzate non è così alta.

Guardate poi come questo si confronta con un Paese come l’India. Hanno il secondo più basso numero di app installate per dispositivo, ma il più alto numero di app utilizzate al mese. Quindi il rapporto di utilizzo è molto più alto.

Quindi, se una persona in India scarica la vostra app, c’è una maggiore probabilità che la utilizzi, almeno su base mensile.

Utilizzo giornaliero delle app nel 2020

Ora vediamo quante applicazioni vengono utilizzate ogni giorno.

Conclusioni sulle statistiche di download delle app aggiornata a giugno 2020

Le applicazioni mobili fanno parte della nostra vita quotidiana. Il 2020 continuerà ad essere un grande anno per il settore delle app mobili.

Anche se l’utilizzo e la penetrazione della telefonia mobile sono ai massimi storici, tutti i dati che abbiamo analizzato mostrano che la nostra tendenza è ancora in crescita.

Questo è incoraggiante per chiunque abbia un’applicazione mobile o intenda costruirne una. Ma non si può semplicemente sviluppare e gestire un’app senza essere aggiornati sulle ultime ricerche e tendenze.

Quindi utilizzate questa guida come riferimento per aiutarvi a comprendere il settore delle app mobili dal punto di vista del download e dell’utilizzo.

Se siete pronti a sviluppare un’app nel 2020, iscrivetevi e iniziate a lavorare con BuildFire. La nostra piattaforma facile da usare ti permette di creare un’app per iOS e Android contemporaneamente, senza scrivere una sola riga di codice.

Quali sono le metriche che stai tracciando per misurare le statistiche di utilizzo della tua app mobile?

 


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: