Sei capace di fare una ricerca su Google? Ecco la lista di 40 funzioni di cui sicuramente non conoscevi l’esistenza

Condividi questo articolo:


Questo operatore vi aiuta a cercare i prodotti in base al prezzo.Il trattino aiuta ad escludere le parole dalle ricerche. Ad esempio, è possibile cercare “SEO California” ma escludere “LA” se non si vogliono risultati da quella città.Siamo nel 2020, Google è ancora il re indiscusso dei motori di ricerca. (92,95% della quota di mercato mondiale a novembre 2019).

Sapere come funziona Google e come ottenere un miglior posizionamento nelle SERP di Google è ciò che mette in tavola il 99% dei professionisti SEO. Anche in questo caso, Google racchiude alcuni misteri della SEO, soprattutto quando si tratta di utilizzare gli operatori di ricerca avanzata di Google. Ecco la parte più importante…

Potresti usarli per fare il tuo lavoro in modo più efficiente.

Per esempio: Quando si misura la quantità di contenuti dedicati a un determinato argomento, è possibile filtrare rapidamente il 90% delle semplici citazioni.

Con un solo comando avanzato si passa da 652 milioni di risultati:

 

Ad un numero molto più specifico di 18,4 milioni.

Potresti essere interessato anche alla ricerca avanzata di parole chiave. Ottenete lo stesso iperfocus in una ricerca per parole chiave che fate con gli operatori di ricerca.

Come ottenere di più con i comandi di ricerca di Google

Questo articolo completo tratterà le tattiche avanzate, il motivo per cui le si dovrebbe usare e come metterle in pratica.

Ecco cosa potete fare se sapete usare correttamente gli operatori di ricerca di Google:

  • Trovare contenuti duplicati interni e altri errori di indicizzazione
  • Trova i risultati delle notizie provenienti da alcune fonti per rendere più piccante il tuo contenuto
  • Trovare pagine che contengono determinate parole chiave
  • Trovare quotazioni e forzare risultati accurati per parole chiave a coda lunga
  • Trova i concorrenti diretti
  • Trovare ricerche originali, statistiche e casi di studio su un determinato argomento
  • Scopri come Google sta classificando il tuo sito
  • Trova le opportunità di backlink e contenuti
  • Valutare rapidamente la competitività delle parole chiave a coda lunga
  • Trova i siti che hanno una parola chiave specifica nel loro URL

 

Comandi di ricerca avanzata di Google

Possiamo tranquillamente supporre che probabilmente conoscete già Google. Ecco perché inizieremo con gli operatori avanzati.

Questi operatori vi aiutano a navigare in siti web specifici, o a restringere la vostra ricerca in modi che la maggior parte dei profani non ha bisogno di fare.


Potete fare una ricerca generale e controllare rapidamente se le vostre pagine indicizzate corrispondono al vostro database.

 

Usato per:

  • Trovare contenuti interni duplicati e altri errori SEO.
  • Trovare opportunità di link su un sito specifico. (Siti del settore che hanno coperto i concorrenti diretti, ma non il vostro prodotto, in un post di confronto)

 

Source:

Permette di scegliere una fonte specifica in Google News. (Utile se si devono citare fonti di notizie specifiche quando si scrivono notizie).

Usato per:

  • Fonte di notizie su siti affidabili.
  • Trova citazioni e notizie per rendere più piccante il tuo contenuto.

 

Intext:

Intext dice a Google che si vogliono risultati dove il testo appare nel corpo della pagina. (Se il testo appare nel titolo, ma non nel corpo della pagina, non verrà restituito come risultato. Poiché funziona praticamente come un normale risultato di Google, non ci sono molti usi avanzati. Lo abbiamo tenuto nella lista per contrastarlo con questo operatore successivo “Allintext”.

Esempio - intext:airpods

Allintext:

Sostanzialmente lo stesso dell’intero, ma ogni parola nella query deve essere nel testo del corpo di una pagina. Altrimenti Google non la include nei risultati. Sostanzialmente funziona come l’uso di ” ” citazioni su singole parole.

Usato per:

  • Trovare le virgolette.
  • Forzare risultati accurati per parole chiave a coda lunga.
  • Esempio – allintext:airpods 2

Intitle:

lintitle: dice a Google che si vogliono risultati solo se le pagine includono il termine di ricerca nel loro meta-titolo. Questo operatore aiuta a capire quante pagine sono indirizzate a una particolare frase di ricerca.

Usato per:

  • Controllare i livelli di competitività delle parole chiave.
  • Trovare opportunità di backlink.
  • Esempio – intitle:samsung

Allintitle:

Uguale al titolo, ma assicura che ogni parola della query sia nel meta tag del titolo di tutti i risultati. Se avete venduto airpod sul vostro sito di ecommerce potete usare questo operatore per trovare altri siti web che hanno ‘airpod’ nei loro titoli. Questo è un modo semplice e veloce per individuare la concorrenza diretta.

Inurl:

Come per Intitle & Intext, Google restituirà i risultati solo se le parole di ricerca sono incluse nell’URL. Questo spesso riduce drasticamente il volume di ricerca e può essere utile per trovare potenziali concorrenti diretti.

Usato per:

  • Trovare concorrenti diretti.
  • Filtrare i risultati negativi.
  • Trovare opportunità di backlink.

Allinurl:

Tutte le parole incluse nella query di ricerca devono essere nell’URL per diventare un risultato. Per le frasi di ricerca lunghe, questo spesso restituisce solo una manciata di risultati o nessun risultato.

Utilizzato per:

  • Filtrare i risultati negativi per gli argomenti popolari.

Example – allinurl:apple airpods

Filetype:

Filetype: dice a Google di restituire solo i risultati di, avete indovinato, un tipo specifico di file. È utile quando si cerca una ricerca, che spesso è in PDF o in altri formati di file di documenti, piuttosto che in HTML.

Usato per:

  • Trovare rapidamente ricerche originali, statistiche e casi di studio su un determinato argomento.

Related:

Correlato: è un operatore che aiuta a trovare siti relativi a un URL specificato. Il suo utilizzo è uno sguardo illuminante su come Google classifica il vostro sito web e i vostri concorrenti.

Ad esempio, se diamo un’occhiata ai risultati di airbnb.com, restituisce i soliti sospetti SEO, ma anche alcuni concorrenti periferici per l’attenzione.

Ovviamente, i due maggiori concorrenti di Airbnb, VRBO e Homeaway, hanno fatto il taglio, ma c’è qualcos’altro. E’ elencato anche un sito web di prenotazione più generalista. Quindi, da questo, apprendiamo che Google comprende la gerarchia categorica del SEO all’interno dei viaggi online.

Usato per:

  • Trovare concorrenti.
  • Capire come Google sta categorizzando il vostro sito.

AROUND(X)

Limitare i risultati alle pagine che contengono parole di ricerca entro X parole l’una dall’altra. Utile per trovare citazioni e testi di canzoni che non si ricordano bene, ma non molto altro. Google mette in grassetto le frasi che pensa che stiate cercando, non solo le parole di ricerca. (Nota: definisce un intervallo con un massimo di X, non solo X).

Usato per:

  • Trovare citazioni
  • Trovare dichiarazioni ufficiali / casi studio / ricerche scientifiche

Comandi di ricerca base di Google

Gli operatori di ricerca di base di Google aiutano a filtrare i risultati della ricerca.

Dovreste avere familiarità con ognuno di questi, quindiimparateli bene.  Gli operatori di ricerca di base di Google aiutano a filtrare i risultati della ricerca.

Dovreste avere familiarità con ognuno di questi, quindi consideratelo una recensione, non una lezione. (Come tale le descrizioni saranno brevi e non ci sono schermate da spiegare).

“”

Inserendo il termine di ricerca tra virgolette si avvia una ricerca di corrispondenza esatta per quella frase. Le parole esatte in quell’ordine esatto devono essere sulla pagina o. L’uso su singole parole esclude i sinonimi e le parole correlate.

Esempio - "Elon Musk"

AND

Google cercherà i risultati relativi a entrambi/tutti i termini che hai digitato nel campo di ricerca. In genere l’algoritmo di Google valuta correttamente se si tratta di una ricerca per frase o di più termini separati, rendendo AND per lo più ridondante.

Il trattino aiuta ad escludere le parole dalle ricerche. Ad esempio, è possibile cercare “SEO California” ma escludere “LA” se non si vogliono risultati da quella città.

*

L’asterisco dice a Google di “riempire il vuoto”. Simile al più avanzato AROUND(X) ma non si specifica la lunghezza massima di una frase. Come AROUND(X) può essere utile per trovare citazioni e frasi.

Esempio – Elon * Tesla

()

Le parentesi raggruppano i termini o gli operatori di ricerca per aiutare a strutturare una ricerca avanzata.

Esempio – allinurl: SEO (Los Angeles OR San Diego OR San Francisco).

OR / |

OR  oppure | dice a Google che una certa parola nella query può essere scambiata con un’altra. In genere si usa meglio con le parentesi come nell’esempio precedente.

esempio: Musk OR bezos

$ / €

Questo operatore vi aiuta a cercare i prodotti in base al prezzo : iPhone 8 Plus 400$

#..#

Due numeri con due punti in mezzo dicono a Google di restituire le ricerche di storie all’interno di quell’anno. esempio: ted talks 2016..2020

Google Content / Card Operators

I siti Google e la SEO li classificano come operatori di ricerca. Ma interagiscono con i contenuti/funzioni di Google e non innescano necessariamente una ricerca su internet.

  • Define:
  • Cache:
  • Weather:
  • Stocks:
  • Map:
  • Movie:
  • In / To

Potrebbero non essere utili per la ricerca, ma la comprensione è un pezzo del puzzle.

I Pensionati! Comandi di ricerca Google ufficialmente deprecati

Questi operatori di ricerca non funzionano più. Alcuni sono stati ufficialmente interrotti e altri sono stati attaccati a proprietà di Google che da allora sono state chiuse.

Link:

I SEO della vecchia scuola si ricorderanno con affetto di questo. In passato, si poteva usare il comando  link: per trovare pagine che collegano a un URL specifico. Google ha ufficialmente interrotto questo comando nel 2017.

Altri comandi di ricerca Google deprecati:

  • +
  • ~
  • inpostauthor:
  • allinpostauthor:
  • inposttitle:
  • info:
  • daterange:
  • phonebook:
  • #
  • blogurl:
  • inanchor:
  • allinanchor:
  • loc:placename
  • location:

Google lavora continuamente a cose nuove e scarta i vecchi progetti. Quindi non aspettatevi che la lista di cui sopra rimanga invariata per molto tempo.

Di solito dispensano comandi di ricerca avanzati e raramente utilizzati senza alcun preavviso, quindi assicuratevi di ottenere il massimo da loro finché potete.

Misurare rapidamente la competitività delle parole chiave a lungo termine con Google

Da oltre 10 anni sappiamo che le keyword a coda lunga è in realtà il pezzo più grande della torta.

Più del 50% delle ricerche sono di 3 parole o più.

Il 60% delle ricerche su Google sono effettuate per ricerche che non sono nemmeno tra le prime 1 MILIARDI di ricerca più popolari.

Di conseguenza, trovare continuamente keyword a coda lunga è la chiave del successo di qualsiasi SEO.

A volte ti ritrovi a pensare a un’opportunità di parola chiave quando meno te l’aspetti.

Forse state pranzando, o facendo la doccia, o passeggiando nel parco. Google ti permette di valutare la competitività in termini specifici con l’operatore “allintitle”.

Per esempio, diciamo che hai avuto una nuova idea di contenuto e hai voluto puntare alla frase “SEO small business Udine”. Potreste fare rapidamente una ricerca per allintitle.

I risultati indicano che ci sono già 100 siti web che hanno una pagina dedicata a questo termine di ricerca.

Una ricerca su Google come questa può essere un utile indicatore per qualificare rapidamente le parole chiave prima di scriverle nel vostro piano di contenuti.

Se siete alla ricerca di informazioni più complete sulle metriche competitive, Immaginet Srl viene in soccorso…

Potete usare gli strumenti che vi forniamo per sapere tutto sulla vostra concorrenza.

Se avete bisogno di aiuto per trovare idee di parole chiave, posso aiutarvi anche in questo.

Trova errori di indicizzazione evidenti e altri problemi di SEO grazie a Google

In un recente studio SEO, sono stati controllati 175 milioni di siti web e sono stati trovati 300 milioni di errori SEO. Quasi il 10% dei siti aveva problemi con contenuti duplicati o tag canonici.

Traduzione: La maggior parte dei siti web presenta errori SEO, anche con un aumento della spesa per il SEO e il marketing dei contenuti.

Anche Apple ha pagine su HTTP, nonostante l’HTTPS sia un fattore di ranking ufficiale, per la miseria. (E pagine indicizzate per i servizi interrotti).

A volte il grande budget dedicato può essere il problema.

Poiché le aziende hanno ora team di contenuti separati in diversi reparti, può essere difficile coordinarsi e assicurarsi che tutto sia all’altezza.

Anche l’azienda più redditizia del pianeta commette degli errori.

Un passo facile da fare per trovare e correggere le pagine insicure è cercare “site:YOURSITE.com -inurl:https”.

È esattamente così che ho trovato rapidamente una pagina HTTP su apple.com.

Un altro problema comune è la doppia indicizzazione:

Verifica la presenza di contenuti duplicati con la ricerca sul sito di Google.

Cerca rapidamente nel tuo sito usando contenuti che spesso finiscono per essere duplicati.

Contenuti duplicati comuni:

  • Descrizioni dei prodotti.
  • Casi di studio utilizzati su più pagine.
  • CTA lunghi con contenuti unici brevi su varie pagine.

Se lavorate con clienti che hanno molti contenuti, o grandi siti di ecommerce, è importante fare questo tipo di controlli regolarmente.

Potete anche insegnare ai membri non-SEO del team a utilizzare gli operatori di Google Search per fare questo tipo di test.

In questo modo è possibile condividere efficacemente la responsabilità e migliorare le organizzazioni SEO nel loro complesso.

Trova le opportunità di generare backlink e contenuti

I backlink di alta qualità sono ancora uno dei fattori di ranking più affidabili.

In uno studio del 2018, più backlink avevano ancora la più forte correlazione con le classifiche più alte rispetto a qualsiasi altro fattore. In media, il primo risultato ha avuto oltre il 700% del numero di backlink del risultato 10. E oltre il 300% la quantità di domini di riferimento.

Un portafoglio di backlink diversificato è ancora incredibilmente importante nel 2020.Ma i backlink non appaiono dal nulla. Acquistarli non è un’opzione (Google disapprova questo), e la gente non li distribuisce nemmeno gratuitamente. Bisogna fare le proprie ricerche.

Magari usate anche qualche operatore di ricerca di base per aiutarvi.

Ma alcune combinazioni avanzate possono accelerare notevolmente la ricerca.

Se combinate intitle: con inurl: spesso potete eliminare il 100% della lanugine dai risultati della ricerca e trovare le pagine di risorse/collegamenti di cui avete bisogno.

(Nota: gli operatori Allin tendono a non giocare bene insieme, quindi rimanete fedeli a in.)

Conclusione

Mentre gli strumenti SEO e le API sono sempre più sofisticati, non fa mai male tornare alle nostre radici come SEO.

Utilizzando l’algoritmo di ricerca di Google, si ottiene un’esperienza di prima mano come consumatore, mentre si lavora anche per risolvere i problemi di SEO per se stessi, o per il proprio cliente.

A volte le idee migliori ci arrivano nei momenti peggiori, e imparando a fare le basi con solo Google, avete la possibilità di controllare e migliorare istantaneamente il vostro SEO dalla comodità del vostro motore di ricerca.

Tuttavia, la cassetta degli attrezzi dei SEO deve includere qualcosa di più dei comandi forniti da Google.



Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: