Perché è necessario riprogettare la vostra app per aumentarne la redditività

Condividi questo articolo:


Quando le persone lanciano un’app, si aspettano di trarne profitto. E di solito lo fanno. Tuttavia, dopo un po’ di tempo tutto cambia a causa delle migliaia di concorrenti che appaiono ogni giorno. L’app diventa antiquata e perde la sua attrattiva. Giorno dopo giorno la sua conversione diminuisce e il proprietario di un prodotto perde denaro. Ecco perché tutte le OP dovrebbero smettere di considerare il lancio come un traguardo. È solo l’inizio e oggi vogliamo discutere il prossimo passo fondamentale – una riprogettazione dell’app, che farà funzionare un’app per voi in ogni momento.

Riprogettare la vostra app e aumentare le conversioni

La cosa più importante è che la riprogettazione funzioni davvero. Alcune app diventano molto popolari non perché hanno una funzionalità straordinaria (in alcuni casi è davvero semplice) ma per il loro design. Un look fresco cambia tutto. E porta a un miglioramento del tasso di conversione. Ecco come:

Ha un aspetto migliore. Alcuni clienti affezionati possono rimanere con una vecchia app anche se il design sembra obsoleto, tuttavia tutti i nuovi utenti sceglierebbero una nuova app, con un design più accattivante. Non si tratta solo dell’aspetto generale, ma anche della facilità d’uso. Ad esempio, le moderne tendenze dell’interfaccia utente ci impongono di utilizzare nelle nostre app alcuni elementi familiari, come le icone e i pulsanti di azione. Gli utenti li apprezzano perché ne comprendono il significato e sanno come usarli. Questi dettagli formano un concetto come “design intuitivo”. E a tutti gli utenti piacciono le app che possono iniziare ad usare subito, senza dover leggere lunghi manuali.

UX migliorato.

L’UX dipende dall’interfaccia utente. Tutti gli elementi dovrebbero svolgere un compito specifico per rendere l’uso di un’app più facile e piacevole. Ad esempio, le app moderne utilizzano le utility integrate per rendere automatico il processo di inserimento dati (usare un’impronta digitale invece di inserire una password). Quindi, è molto importante stare al passo con le ultime tendenze UX per utilizzarle durante la riprogettazione.

Approccio personale.

Gli utenti preferiscono le app dove possono regolare tutto secondo le loro esigenze. Se hanno la possibilità di cambiare il tema, i font e le dimensioni del testo, di solito rimangono fedeli. La possibilità di rendere un’app un po’ più personale attira sempre gli utenti.

Pulsanti di azione.

Durante una riprogettazione, è possibile aggiungere i cosiddetti elementi di chiamata ad azione che incoraggiano gli utenti a fare ciò che noi (proprietari di app) vogliamo. Ad esempio, pulsanti come share in Facebook, Instagram, Twitter e così via permettono ai clienti di condividere i vostri contenuti con alcuni amici e familiari e pubblicizzano la vostra app gratuitamente e allo stesso tempo pubblicizzano la vostra applicazione.

Altre caratteristiche sociali.

Cinque anni fa, riuscivamo a malapena a trovare un’app con registrazione sociale. Ora, se in un’app non esiste una tale funzione ma i creatori ti chiedono di inserire manualmente la password, il login, l’e-mail e tutte le tue credenziali, probabilmente disinstalleresti l’app in un minuto. Oggi non solo possiamo registrarci, ma anche condividere il contenuto di un’app con gli amici, invitarli all’app e molto altro ancora. Tutte queste funzionalità sociali danno ai clienti la possibilità di condividere le proprie emozioni con persone vicine, una delle più grandi invenzioni del mondo.

Esempio di vita reale – Instagram

L’applicazione Instagram ha rilasciato molti aggiornamenti dalla sua prima apparizione. I creatori capiscono quanto sia importante muoversi al passo con i tempi. Questa è una delle chiavi del successo nella società moderna. Se si confronta la prima versione dell’app e quella attuale, si trovano molte differenze che hanno reso il progetto molto migliore. Consideriamo in dettaglio quali modifiche hanno apportato per rendere Instagram ancora migliore di quanto non fosse.

 

Icone familiari.

Instagram ha aggiunto le icone che possiamo trovare in diverse applicazioni. Ha reso un’app ancora più intuitiva, così i nuovi clienti sanno già come usarla e cosa significa ogni elemento anche quando la aprono per la prima volta.

Azioni evidenti.

Ora, quando si apre Instagram, si sa quali elementi sono cliccabili e quali no. Una delle cose più importanti è che gli elementi con cui avete appena interagito reagiscono. L’esempio più semplice è un cuore che tocchi per indicare che ti è piaciuta una foto che diventa rossa. Una tale reazione dimostra che hai fatto tutto correttamente.

Movimento.

Sempre più applicazioni traggono vantaggio dall’animazione. Instagram, ad esempio, ha reso possibile la visualizzazione di una foto o di un video senza entrare nell’account di una persona, quando si preme su un’immagine e la si tiene in mano, la finestra diventa più grande e si può vedere la foto in scala più grande. È solo uno dei tanti esempi che ci insegnano a prestare attenzione a questi trucchi.

Organizzazione dei contenuti.

Se ricordate la vecchia versione dell’app ci permetteva di pubblicare una foto alla volta. Ora è possibile pubblicare alcune foto e anche un video in un unico post. Inoltre, vediamo più foto su uno schermo di prima.

Quando è necessario ridisegnare

Se la vostra app non è nuova, ma comporta una conversione appropriata, la questione di una riprogettazione non è vitale. Tuttavia, c’è un elenco di casi in cui una riprogettazione dell’interfaccia utente è un must. Diamoci un’occhiata:

 

1. Ci sono domande del genere in un app store. Ci sono molti utenti consapevoli e molti di loro lasciano i loro commenti e feedback in un app store. Se i clienti chiedono una riprogettazione, è il momento di farlo.

2. 2. Neanche al proprietario piace. Se il proprietario di un prodotto è un uomo o una donna ragionevole, può valutare un’app da solo. Oltre a ciò, il dovere di queste persone è quello di rintracciare le app dei concorrenti. Quindi, nel caso in cui un OP veda che la sua app è peggiore di quelle nuove e moderne, dovrebbe riprogettare immediatamente il proprio prodotto.

3. 3. Scarsa redditività. Tutte le OP hanno un business plan e si aspettano di ottenere una somma specifica. Se il tasso di conversione è sceso o è inferiore al previsto – è il momento di cambiare il design dell’interfaccia utente.

4. 4. L’applicazione è cambiata. Intendiamo dire che la sua idea è cambiata, per esempio, inizialmente era una news app dove tutte le notizie sulle star dello show business apparivano ogni giorno. Dopo un po’ di tempo, sono state aggiunte le notizie sulla politica e altre cose. Ma l’interfaccia utente non è cambiata. In questo caso, i nuovi utenti che si aspettano di vedere solo le notizie sulle star dello spettacolo rimarrebbero delusi.

Se uno di questi casi riguarda voi e la vostra applicazione, allora dovreste continuare a leggere, perché dopo vi daremo alcuni consigli utili su come eseguire una riprogettazione con successo.
Suggerimenti per la riprogettazione
Se seguite i nostri semplici consigli, potete ridurre i tempi di ridisegnazione di un’app e risparmiare i nervi. Ecco le tre regole principali da seguire quando ridisegnate la vostra applicazione mobile:

Regola 80/20.

Quando ci sono troppi elementi su uno schermo irrita l’utente e ha un aspetto orribile. Quando ci sono pochi elementi, un’app sembra inutile. Quindi dov’è la via di mezzo? E’ la regola dell’80/20. L’80- di uno schermo dovrebbe contenere gli elementi e il 20- dovrebbe essere vuoto.

Minimalismo.

Ricordate la struttura. Tutti gli elementi dovrebbero essere nelle loro categorie. Gli utenti dovrebbero trovare tutto in modo intuitivo. Allo stesso tempo, è meglio nascondere tutti gli elementi secondari negli altri schermi o nei vari menu.

Efficacia.

Pensate alle applicazioni più recenti in cui un utente deve digitare una password, creare un login e così via. Non ce ne sono. L’inserimento manuale fa apparire automaticamente un’app come una reliquia. Utilizzate le moderne tecnologie, come la fotocamera, l’impronta digitale, l’integrazione sociale, la modalità GPS e tutte le altre. Così, otterrete la stessa funzionalità (o anche meglio) ma un utente deve fare meno azioni.

Spero che tutti i nostri consigli vi abbiano convinto che una riprogettazione di un’app mobile è importante quanto la riprogettazione di un sito web. Naturalmente, costa denaro e tempo, tuttavia, se non si innaffia una pianta prima o poi muore. Il supporto e gli aggiornamenti dell’app dovrebbero essere la vostra priorità se volete davvero farci soldi.


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: