Le 10 Migliori distribuzioni Linux “Light” per i computer più vecchi e datati

Condividi questo articolo:


Non buttate ancora il vostro vecchio computer. Usate una leggera distro Linux e fate rivivere quel sistema vecchio di decenni.

Cosa fate con i vostri vecchi computer? Quello che una volta aveva una buona configurazione hardware, ma che ora sono considerati obsoleti. Perché non fate rivivere il vostro vecchio computer con Linux? Vi elencherò le migliori distribuzioni Linux leggere che potete usare sul vostro vecchio PC.

Mentre il nostro focus è sui vecchi computer, è anche possibile utilizzare la maggior parte di questi Linux leggeri su hardware relativamente nuovo. Questo vi darà una migliore performance se usate il vostro computer per un uso intensivo di risorse come l’editing video su Linux.

Vediamo quale distribuzione leggera di Linux si dovrebbe usare.

Le migliori distribuzioni Linux leggere per vecchi computer portatili e desktop

Cercherò di ordinare la lista in ordine decrescente di richiesta di hardware. Il che significa che la leggera distro Linux nella posizione numero uno avrebbe bisogno del minimo hardware.

10. Peppermint

Peppermint è una distribuzione Linux focalizzata sul cloud che non ha bisogno di hardware di fascia alta. È basata su Ubuntu e utilizza l’ambiente desktop LXDE per dare un’esperienza più fluida.

Originariamente creata con l’approccio web-centrico dei netbook in mente, Peppermint ha sviluppato un’applicazione ICE per integrare qualsiasi sito web come applicazione desktop.

Ha anche una guida per iniziare ad aiutare i nuovi utenti. C’è anche un forum dedicato per aiutare a risolvere i problemi e rispondere alle vostre domande.

Requisiti minimi di sistema per Peppermint OS:

RAM: 1 GB di RAM (consigliati 2 GB)
CPU: Processore basato su architettura Intel x86
Spazio su disco: Almeno 4 GB di spazio disponibile su disco

Peppermint

9. Lubuntu

Il prossimo nella nostra lista delle migliori distribuzioni Linux leggere è Lubuntu. Come il nome suggerisce un membro della famiglia Ubuntu ma basato sull’ambiente desktop LXDE. Infatti, è uno dei gusti ufficiali di Ubuntu.

Lubuntu supporta anche i computer più vecchi che erano stati sepolti (Scherzo! È possibile utilizzare Lubuntu anche su hardware moderno). Lubuntu è il derivato più leggero di Ubuntu quindi è specializzato in velocità, supporto per hardware più vecchio.

Lubuntu ha meno pacchetti di default che consistono per lo più in applicazioni Linux leggere.

GPicView per la visualizzazione delle immagini, MTPaint per la pittura, Evince per il PDF, Audacious per la musica, Gnome-Player per i video, guvcview per la webcam, Chromium per la navigazione web, Sylpheed per la posta elettronica, Pidgin per la messaggistica istantanea, Transmission per torrent, Gnumeric per il foglio di calcolo, Abiword per l’ufficio, Xpad per le note e ce ne sono ancora di più.

Se avete usato Ubuntu prima non troverete Lubuntu sconosciuto. Il software e i repository sono gli stessi, quindi otterrete tutto il software che stavate usando su Ubuntu dai loro repository. Ma prendetevi cura del vostro sistema quando installate qualsiasi applicazione. Scegliete un’applicazione che può consumare meno risorse del vostro vecchio computer. Non usare applicazioni che consumano molte risorse.

Requisiti hardware minimi per Lubuntu:

RAM: 512 MB di RAM (consigliato 1GB)
CPU: Pentium 4 o Pentium M o AMD K8 o superiore

Lubuntu

8. Linux Lite

Come suggerisce il nome, Linux Lite è una distribuzione Linux leggera che non ha bisogno di hardware di fascia alta per funzionare. Anche un principiante sarà in grado di usarla facilmente su computer più vecchi. Linux Lite è basato su Ubuntu LTS (Long Term Support). La versione LTS fornisce supporto per 5 anni, il che significa che una volta installato Linux Lite sul vostro computer, dovrebbe fornire aggiornamenti per 5 anni.

Il Team di Linux Lite dice: “Linux Lite è completamente funzionale già pronto all’uso, questo significa che non dovrete installare software extra quando avvierete il vostro computer per la prima volta”. Questo è abbastanza utile per i neofiti in quanto non hanno bisogno di andare a cercare alcune applicazioni di base da installare. La maggior parte delle applicazioni di base sono integrate nel sistema operativo.

Alcune delle applicazioni preinstallate sono Firefox per la navigazione web, Thunderbird per le email, Dropbox per il Cloud storage, VLC Media Player per la musica, LibreOffice per l’ufficio, Gimp per l’editing delle immagini e Lite tweaks per modificare il desktop.

Considerando che è basato su Ubuntu, avrete un sacco di supporto e risorse disponibili online, in quanto potrete seguire i tutorial di Ubuntu.

Requisiti hardware minimi per Linux Lite:

RAM: 512 MB di RAM (consigliato 1 GB)
CPU: Processore a 700MHz
Display: Schermo VGA risoluzione 1024×768 (schermo raccomandato VGA, DVI o HDMI 1366×768)
Spazio su disco: Almeno 5 GB di spazio libero su disco

Linux Lite

7. LXLE

LXLE è in realtà un respin della versione Lubuntu LTS. Il che significa che è fondamentalmente Lubuntu ma ritoccato per uno scopo specifico, per far rivivere i vecchi computer in questo caso.

Nonostante sia una leggera distro Linux, LXLE cerca di fornire un’interfaccia utente intuitiva e caramelle per gli occhi. Il sistema è ottimizzato per migliorare le prestazioni e viene fornito con una vasta gamma di applicazioni leggere installate di default.

Requisiti hardware minimi per LXLE:

RAM: 512 MB (consigliato 1 GB)
CPU: Pentium 3 (consigliato Pentium 4)
Spazio su disco: 8 GB

LXLE

6. CrunchBang++

CrunchBang++ è anche conosciuto come CBPP o #!++ o CrunchBang Plus Plus. Crunchbang+++ è il clone della distribuzione Linux morta Crunchbang Linux che era nota per la sua semplicità e il suo leggero peso. CrunchBang+++ supporta i vecchi computer e funziona senza alcun problema. CrunchBang++ è basato su Debian 9 con un’interfaccia dal design minimale e costruito intorno al window manager minimale e leggero di Openbox.

Questo progetto continua con lo stesso obiettivo di fornire Linux facile da usare e lite weight con buone funzionalità. Ecco perché Crunchbang++ include un design minimale, un’interfaccia semplice ed elegante.

Alcune delle applicazioni predefinite in Crunchbang++ sono Geany IDE, Terminator emulatore di terminale, Thunar File Manager, Gimp per l’editing delle immagini, Viewnior visualizzatore di immagini, VLC Media Player per la musica, Xfburn software di masterizzazione CD/DVD, Iceweasel per la navigazione web, Transmission torrent client, Gnumeric editor di fogli di calcolo, Evince pdf viewer, gFTP file transfer client, Xchat IRC client, AbiWord per l’ufficio.

Requisiti hardware minimi per CrunchBang++:

Non ci sono raccomandazioni hardware ufficiali per Crunchbang++. Idealmente, dovrebbe funzionare con 512 MB di RAM e CPU Pentium 4.

Openbox non è molto adatto ai principianti, ma questo non significa che si debba avere paura di provarlo:

Crunchbang++

5. Bodhi Linux

Un’altra distribuzione Linux leggera è Bodhi Linux che dà vita a PC e laptop più vecchi. Bodhi Linux è abbastanza conosciuta per la sua leggerezza. Non ci sono molti software precaricati su Bodhi Linux, quindi l’ISO non è di grandi dimensioni e quando è installato su computer più vecchi gira liberamente senza usare molta memoria. Ma non pensate che non si possano installare altre applicazioni, si può installare qualsiasi applicazione di cui si ha bisogno.

A parte questo, Enlightenment rende la distro molto più veloce. Enlightenment è più veloce di altri window manager che vengono utilizzati in altre distribuzioni Linux. Se avete qualche problema ad usare Enlightenment o qualsiasi altra funzione di Bodhi, allora ci sono utili guide scritte dal team.

Ci sono alcune applicazioni di base come Ephoto per la grafica, Midori per la navigazione sul web, ePad text editor ma, sfortunatamente, non ci sono applicazioni per il Multimedia. Ma non preoccupatevi! Come ho detto sopra è possibile installare altre applicazioni attraverso l’App Center. I PPA destinati a Ubuntu funzionano anche in Bodhi Linux, per lo più.

Requisiti hardware minimi per Bodhi Linux:

RAM: 256 MB di RAM
CPU: 1,0 GHz
Spazio su disco: 4 GB di spazio per l’unità

Bodhi Linux

4. antiX Linux

antiX è una distribuzione Linux leggera basata su Debian Linux. È orgogliosa di vantare una distribuzione Linux systemd-free. Se non si conosce il termine systemd, allora non dovrebbe importare che antiX non usi systemd.

antiX usa icewm window manager per mantenere il sistema funzionante su hardware di fascia bassa. Non fornisce molti software di default, quindi l’ISO è meno grande. È sempre possibile scaricare e installare più software in seguito se si ha accesso ad una connessione internet attiva.

Requisiti hardware minimi per antiX Linux:

RAM: 256 MB di RAM
CPU: Sistemi PIII
Spazio su disco: 2,7 GB di spazio su disco

antiX Linux

3. SparkyLinux

La terza posizione nella nostra lista di distribuzioni Linux leggere è occupata da SparkyLinux. SparkyLinux è un altro leggero, ma allo stesso tempo, SparkyLinux si rivolge anche ai computer moderni, quindi ha un’altra versione che viene caricata con le applicazioni e fa girare la distro istantaneamente dopo l’installazione.

Vi ho detto su cosa si basa la distro SparkyLinux? No? Oooops! In realtà SparkyLinux è basato sul ramo di test di Debian e ha diversi ambienti desktop tra cui LXDE, OpenBox/JWM, e17, MATE, LXQt, Cli e l’edizione GameOver. LXQt è abbastanza più veloce degli altri menzionati tranne Cli (Command Line Interface).

Come detto in precedenza, ha due edizioni: Edizione completa e edizione Base. L’edizione completa è caricata con le applicazioni in modo da non doverle installare manualmente, ma non per i nostri vecchi computer. L’edizione Base non è caricata con applicazioni pesanti, quindi è leggera e non utilizza molte risorse di sistema. Anche se Sparky ha i suoi repository per installare la maggior parte delle applicazioni.

L’elenco delle applicazioni installate di default è diverso per le diverse edizioni Sparky, Full, Base e Gaming ed è disponibile sotto ogni edizione nella pagina di download qui.

Requisiti hardware minimi per SparkyLinux:

RAM: 256 MB di RAM per LXDE, e17, Openbox, GameOver e 384MB di RAM per MATE, LXQt
CPU: i486/amd64
Spazio su disco: 5 GB di spazio per l’unità

Sparky Linux

2. Puppy Linux

Come ho detto sopra ora le distribuzioni saranno meno grandi ma veloci. Puppy Linux è una di queste, l’ultima versione di Puppy Linux è Puppy Linux 6.0.2 tahrpup CE che ha una dimensione di soli 199 – 201MB. Sì! È molto piccolo. Questa piccola distribuzione Linux può essere avviata con una chiavetta USB di piccole dimensioni.

Puppy Linux può essere avviato dal vivo sia con un CD/DVD/USB e una volta avviato si può espellere il CD/DVD/USB e Puppy Linux funzionerà senza problemi. È così piccolo che salva tutto sulla RAM, il che lo rende molto veloce. Si possono anche salvare tutti i dati sulla stessa USB da cui si sta avviando Puppy Linux. La versione Quirky 7.0.3 è ancora più piccola di tahrpup CE, è solo 176MB.

Puppy Linux usa JWM e Openbox window manager di default, il che rende molto facile il consumo di risorse. Se si utilizza Puppy Linux su un vecchio computer, è più probabile che questo si adatti a questo, ma non richiede applicazioni grafiche di alto livello. Provate a completare il vostro lavoro con applicazioni e strumenti leggeri.

Poiché Puppy Linux è costruito per essere veloce, non si accompagna a pacchetti di applicazioni. Ha però alcune applicazioni di base. Ad esempio, Abiword per l’elaborazione di testi, Gnumeric per fogli di calcolo e programmi di editing grafico e di riproduzione multimediale assortiti. Personalmente, uso Puppy Linux per recuperare dati o per riparare il mio sistema operativo corrotto e credetemi, mi aiuta molto.

Requisiti hardware minimi per Puppy Linux:

RAM: 64MB (consigliati 256 MB)
CPU: 333MHz

Puppy Linux

1. Tiny Core

Siate pronti a lasciarvi stupire dal Piccolo Nucleo. Scommetto che la più piccola applicazione per l’editing di immagini di Windows sarà più pesante di Tiny Core Linux. Sì! È solo 15MB di dimensione! Stupiti? Ci vuole più tempo per scaricare un piccolo videoclip di bassa qualità rispetto al Tiny Core.

Beh, era più o meno della dimensione di una distro, ma anche quello che c’è dentro vi stupirà. Viene fornito con l’interfaccia minimale e pochissime applicazioni installate. Se avete un computer antico, provatelo e vedrete la magia. Si avvia più velocemente di qualsiasi altro sistema operativo.

Il Tiny Core Linux è stato biforcato dal progetto Damn Small, ma ora è completamente indipendente. Questa piccola distro viene fornita con FLTK/FKWM e BusyBox desktop di default. Troverete molte cose mancanti, per esempio la grafica hardware, ma non preoccupatevi, potete installarle manualmente se volete.

Ci sono tre edizioni di Tiny Core che sono Core, Tiny Core e CorePlus. Core è il sistema base che ha solo CLI (Command Line Interface). Questa si adatta incredibilmente al vecchio computer, ma essendo una CLI, un utente esperto/avanzato può usarla bene. La versione attuale dell’edizione Core è di soli 9MB. 🙂

L’edizione TinyCore sarà per un utente normale che ha familiarità con la GUI (Graphical User Interface). Un principiante può avere familiarità con questa edizione di Tiny Core Linux. L’attuale versione di TinyCore ha una dimensione di soli 15MB. Sì, è piccolo, lo so.

CorePlus è un’immagine di installazione e non la distribuzione. E’ raccomandato per i nuovi utenti che hanno accesso solo ad una rete wireless o che usano un layout di tastiera non statunitense. Include il Core System di base e gli strumenti di installazione per fornire il setup con le seguenti opzioni: Scelta di 7 Window Manager, supporto wireless tramite molti file firmware e ndlswrapper, supporto tastiera non USA e uno strumento di rimasterizzazione. L’attuale versione di CorePlus ha una dimensione di soli 72MB.

Requisiti hardware minimi per Tiny Core Linux:

RAM: 46 MB (consigliati 64 MB)
CPU: Pentium 2

Conclusione

Installare uno dei seguenti Linux sul vostro hardware più vecchio sarà molto facile. La cosa buona è che ci sono molti tutorial o guide fornite dal team stesso per aiutare i nuovi utenti. Inoltre, sarà necessario fare una piccola ricerca sulle applicazioni che si vogliono installare su distribuzioni molto piccole. Preferite l’applicazione che utilizza meno risorse di sistema e che ha un’interfaccia utente semplice. Se si mantengono le installazioni non ci saranno problemi ad utilizzare una delle distribuzioni Linux leggere sopra elencate.


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: