Guida per principianti: Impostazione di Google Ads e Facebook Retargeting

Condividi questo articolo:


Il termine “retargeting” è stata la parola d’ordine del mondo del marketing digitale negli ultimi anni. Potreste aver sentito tutti gli elogi: ROI estremamente elevato, tasso di conversione incredibile, e ci sono persino dei marketer che hanno giurato che il retargeting è il metodo pubblicitario più efficace al giorno d’oggi. Ma cos’è il retargeting? In questa guida parleremo delle basi del retargeting e di come impostare facilmente la vostra campagna di retargeting in un batter d’occhio.

Che cos’è il retargeting?

Per prima cosa, dovremmo chiarire il comune malinteso riguardo al retargeting e al remarketing. Sebbene siano correlati tra loro, il retargeting non è necessariamente il remarketing, e viceversa.

Il termine “remarketing” si riferisce agli sforzi di marketing mirati alle stesse prospettive sempre più spesso. Quando si vedono ripetutamente gli stessi annunci di ristoranti su quei cartelloni a lato della strada, si parla di remarketing.

Il retargeting, invece, è una nuova forma di remarketing per il mondo digitale. Con il retargeting, ci vengono mostrati ripetuti annunci online sullo stesso traffico per un tempo dedicato. Anche se il retargeting è piuttosto nuovo, è cresciuto fino a diventare il più grande aspetto del remarketing negli ultimi anni. In generale, ci sono tre applicazioni principali del retargeting:

  • Retargeting del pubblico che ha visitato il vostro sito
  • retargeting di coloro che hanno visitato i siti dei vostri concorrenti
  • Retargeting del pubblico che ha intrapreso determinate azioni a seconda delle esigenze della vostra azienda (ad esempio, retargeting di coloro che hanno provato una demo gratuita sul vostro sito)

Perché il Retargeting?

Poiché il retargeting è tecnicamente una forma di remarketing, dovremmo prima di tutto comprendere i vantaggi del remarketing. Prendiamo il classico dibattito iOS contro Android, per esempio. No, non discuteremo quale sia il migliore, tuttavia è molto probabile che quello che preferisci sia quello a cui sei più esposto.

Se la maggior parte dei vostri amici utilizza i telefoni Android (e ve lo consigliano, consapevolmente o inconsciamente), è più probabile che siate un utente Android. L’idea è che è più probabile che ci piaccia di più ciò che ci è familiare.

Quindi, come possiamo costruire su questo punto con il retargeting? Facciamo un altro esempio. Diciamo che avete appena navigato su Amazon alla ricerca di un nuovo televisore. Poi, per qualsiasi motivo, avete deciso di smettere di cercare un televisore quel giorno. Una vera e propria campagna di retargeting potrebbe essere mirata a voi, e quando più tardi quel giorno aprite il vostro Facebook, appare un annuncio televisivo che vi ricorda di comprare quel televisore.

Se avete familiarità con il concetto di imbuto di marketing, potreste capire che ad ogni passo del viaggio dell’acquirente, la possibilità di una conversione sarà minore. Il retargeting, in sostanza, è uno sforzo per ottimizzare le possibilità di conversione in ogni fase dell’imbuto.

Il retargeting è anche una tattica molto efficace per costruire la brand awareness, mentre uno studio di ComScore ha suggerito che il retargeting può aumentare la visita del sito di un enorme 726%.

Come funziona il Retargeting

Ci sono due modi popolari per gestire una campagna di retargeting: attraverso Google Adwords o Facebook Ads. Ci sono altre piattaforme che offrono servizi di retargeting, ma considerando le dimensioni di Google Adwords e Facebook Ads, dovrebbero essere la vostra prima scelta.

Il retargeting funziona principalmente con l’aiuto di un frammento di codice sotto forma di cookie nel browser del vostro cliente. Il cookie raccoglierà quindi le loro informazioni e, sulla base dei dati raccolti, potrete indirizzare i visitatori con la vostra promozione.

Che ne dite di rivolgervi al pubblico dei vostri concorrenti?

Il metodo migliore è l’utilizzo di keyword-targeting. Qui, potete mirare ad una certa parola chiave relativa al vostro settore, escludendo il vostro visitatore. Si tratta di un metodo piuttosto affidabile, soprattutto se vi trovate in un settore competitivo.

Il secondo, e probabilmente il metodo più semplice, è quello di utilizzare i social media: per esempio, possiamo rivolgerci a chi ha seguito o apprezzato i nostri concorrenti.

Impostazione di Google Ads Retargeting

Google Ads offre una funzione di retargeting integrata, in modo da poter impostare una campagna di retargeting facilmente seguendo questi passaggi:

  • Cliccare su “libreria condivisa” a sinistra del cruscotto degli annunci
  • Cliccate su ‘vista’ sotto Audience, e potete scegliere ‘Imposta Remarketing’. Lasciare la casella non spuntata per ora
  • Google si offrirà di inviarvi istruzioni, ottenerle se volete. Spunta la casella ‘Usa il tag Google Analytics’.
  • Impostare una nuova lista dopo aver cliccato su ‘Remarketing List’.
  • Cliccare su “Visitatori di una pagina con un tag specifico”, quindi creare un nuovo tag
  • Impostare la durata della campagna
  • Premi “Salva” e otterrai il tuo cookie di retargeting alla pagina successiva
  • Dopo aver finito, è sufficiente copiare e incollare il codice del cookie di retargeting nel tag del corpo HTML del vostro sito.

Ecco fatto, hai impostato una campagna di retargeting di Google Ads!

Impostazione del retargeting degli annunci su Facebook

Gli annunci su Facebook sono ancora più facili, con meno passaggi necessari e Facebook vi accompagnerà in ogni passo.

Potete impostare la vostra campagna facilmente attraverso i seguenti passi:

  • Per prima cosa, cliccate su “Strumenti” nel vostro gestore di annunci e selezionate “Pixel
  • Inserite il vostro nome di dominio e Facebook vi guiderà attraverso tutti i passi necessari. Otterrete quindi il vostro frammento di codice cookie di retargeting.

Il più grande vantaggio della campagna di retargeting è l’aumento delle conversioni in ogni fase del vostro funnel. È rivolta in particolare a coloro che hanno mostrato interesse per il vostro marchio, prodotto o per la vostra nicchia, in modo che sappiate che stanno facendo acquisti.

Anche se il concetto di retargeting e di frammenti di codice può confondere all’inizio, in realtà è abbastanza facile da imparare, dato che Google e Facebook hanno preso le misure necessarie per rendere questo sistema completo facile da usare. Tuttavia, ci vogliono anni di esperienza per capire dove investire i dollari di marketing per ottenere il massimo ritorno, ecco dove il consulente di marketing B2B può aiutare la vostra azienda a creare contenuti, generare domanda e consentire le vendite utilizzando il budget con la massima efficienza.

Hai bisogno di informazioni, una consulenza o un preventivo ?
Compila il form e illustrami il tuo progetto


Condividi questo articolo: