ebook Kali Linux Revealed [pdf] – Il Master ufficiale della distribuzione di penetration testing

Condividi questo articolo:


Sia che siate nuovi a infosec, o un veterano della sicurezza esperto, il corso online gratuito “Kali Linux Revealed” ha qualcosa da insegnarvi. Il detto “Non si può costruire un grande edificio su una base debole” suona vero anche nel campo della sicurezza informatica, e se si usa (o si vuole imparare ad usare) Kali in modo professionale, si dovrebbe familiarizzare il più possibile con gli interni della distribuzione di penetration testing – ed è di questo che si tratta – trasformandovi in un utente professionale di Kali Linux.

Imparare a padroneggiare Kali vi dà la libertà di creare le ricette di Kali Linux come la Kali ISO of Doom, o la Kali Evil AP. Sarete in grado di costruire kernel Kali ottimizzati e personalizzati, ospitarli nei vostri repository e creare i vostri Appliances Kali personalizzati – e c’è molto di più.

SCARICA E-BOOK IN FORMATO PDF GRATUITAMENTE

Dopo la lettura di questo libro sarà possibile:

  • Usare il sistema operativo Kali con competenza.
  • Automatizzare, personalizzare e pre-seminare le installazioni di Kali Linux.
  • Creare le appliance Kali come la Kali ISO of Doom.
  • Costruire, modificare e ospitare pacchetti e repository Kali.
  • Crea, fork e modifica semplici pacchetti Kali.
  • Personalizza e ricostruisci il tuo Kernel.
  • Distribuire Kali sulla rete.
  • Gestire e orchestrare installazioni multiple di Kali.
  • Costruire e personalizzare le immagini ARM di Kali.
  • Creare dispositivi pentesting personalizzati.

Cos’è rappresenta il logo  di Kali Linux? Kali logo – Hacking etico usando Kali Linux –

Kali Linux è una distribuzione Linux basata su Debian. È un sistema operativo meticolosamente realizzato che si rivolge in particolare agli analisti di rete e ai penetration tester. La presenza di una pletora di strumenti preinstallati con Kali lo trasforma in un coltellino da hacker etico. Precedentemente noto come Backtrack, Kali Linux si pubblicizza come un successore più lucido con più strumenti di test-centrici, a differenza di Backtrack che aveva più strumenti che avrebbero avuto lo stesso scopo, a loro volta, rendendolo agguerrito con utility inutili. Questo rende l’hacking etico usando Kali Linux un compito semplificato.

Sviluppo di Kali Linux

Mati Aharoni e Deavon Kearns sono gli sviluppatori principali di Kali Linux. E’ stata una riscrittura di Backtrack Linux, che è stata un’altra distribuzione Linux centrica per il test di penetrazione. Lo sviluppo di Kali è impostato secondo gli standard Debian, poiché importa la maggior parte del suo codice dai repository Debian. Lo sviluppo è iniziato all’inizio di marzo 2012, tra un piccolo gruppo di sviluppatori. Solo a pochi selezionatissimi sviluppatori è stato permesso di impegnare pacchetti, anche questo in un ambiente protetto. Kali Linux è uscito dallo sviluppo con il suo primo rilascio nel 2013. Da allora, Kali Linux ha subito una serie di importanti aggiornamenti. Lo sviluppo di questi aggiornamenti è gestito da Offensive Security.

Perché usare Kali Linux?

Ci sono una vasta gamma di motivi per cui si dovrebbe usare Kali Linux. Permettetemi di elencarne alcune:

  • Per quanto possa essere gratuito – Kali Linux è stato e sarà sempre libero di usare.
  • Più strumenti di quanti se ne possano immaginare – Kali Linux viene fornito con oltre 600 diversi strumenti di penetration testing e di analisi della sicurezza.
  • Open-source – Kali, essendo un membro della famiglia Linux, segue il modello open-source ampiamente apprezzato. Il loro albero di sviluppo è visibile pubblicamente su Git e tutto il codice è disponibile per i vostri scopi di tweaking.
  • Supporto multilingue – Anche se gli strumenti di penetrazione tendono ad essere scritti in inglese, è stato assicurato che Kali include un vero e proprio supporto multilingue, permettendo a più utenti di operare nella loro lingua madre e di individuare gli strumenti di cui hanno bisogno per il lavoro.
  • Completamente personalizzabile – Gli sviluppatori a sicurezza offensiva capiscono che non tutti saranno d’accordo con il loro modello di progettazione, quindi hanno reso il più facile possibile per l’utente più avventuroso personalizzare Kali Linux a proprio piacimento, fino al kernel.

Requisiti di sistema per Kali Linux

L’installazione di Kali è un gioco da ragazzi. Tutto quello che dovete fare è assicurarvi di avere l’hardware compatibile. Kali è supportato sulle piattaforme i386, amd64 e ARM (sia ARMEL che ARMHF). I requisiti hardware sono minimi come elencato di seguito, anche se un hardware migliore fornirà naturalmente prestazioni migliori.

  • Un minimo di 20 GB di spazio su disco per l’installazione di Kali Linux.
  • RAM per le architetture i386 e amd64, minimo: 1GB, consigliato: 2GB o più.
  • Lettore CD-DVD / supporto per l’avvio USB / VirtualBox

SCARICA L’EBOOK IN FORMATO GRATUITO [pdf-eng] LA GUIDA UFFICIALE


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: