Come disattivare la cache del browser sul tuo Mac (Chrome, Brave, Edge, Opera)

Condividi questo articolo:


Se avete visto uno dei miei recenti articoli sull’eccessiva scrittura di dati sull’SSD interno dei Mac, saprete che ho scoperto uno dei principali colpevoli. Questo, naturalmente, è la cache di scrittura del disco su browser di terze parti come Firefox, Chrome e Edge.

Fortunatamente, è abbastanza facile disabilitare la cache del browser sul browser di terze parti.

Anche se questa caratteristica è tecnicamente non correlata ai problemi di memoria swap che abbiamo visto, ci sono prove che un eccessivo caching in scrittura su disco su browser di terze parti può contribuire ad un fallimento prima del previsto dell’SSD interno del vostro Mac.

In alcune situazioni queste cache del browser scrivevano diverse centinaia di gigabyte di dati ogni ora sul mio SSD interno.

Tutti questi dati possono usurare e ridurre di molto la vita del tuo SSD , come spiegato e dimostrato in questo post:

Memory swap M1: Il tuo browser sta uccidendo l’SSD del tuo Macbook con M1?

È importante notare che l’eccessivo caching del disco del browser è un problema solo se si guarda o si trasmette in streaming un sacco di contenuti video. Quando dico molto, intendo ore ogni giorno. Per un uso normale, probabilmente non hai bisogno di preoccuparti di questi passaggi.

Per i contenuti video in streaming, o Youtube nell’esempio che ho menzionato nel mio ultimo articolo, questi processi di caching in realtà scrivono e bufferizzano il video sul tuo SSD interno. Questo viene fatto al posto della RAM per assicurare che la riproduzione sia fluida in caso di problemi alla RAM, a internet o al sistema. È una funzione normale di molti browser e succede anche sui PC Windows.

A differenza di molti PC Windows, tuttavia, l’SSD sul vostro Mac (a seconda del modello) è saldato alla scheda logica e non può essere sostituito se si guasta. Questo è particolarmente importante per chi ha un modello base di SSD da 256GB.

A causa della minore capacità e quindi avendo un TBW inferiore, è più probabile che si usuri più velocemente a causa dell’eccessiva scrittura di dati rispetto a un SSD da 512GB o 1TB per esempio. Anche se, come ho detto in precedenza, ci vorrà molto tempo perché questo accada, indipendentemente da quanto ci si scrive.

Se vuoi limitare la quantità di dati che questi browser scrivono sul tuo SSD interno, ti mostrerò come disabilitarli su diversi browser.

Come controllare quanti dati le app e i processi stanno scrivendo sul vostro SSD

In primo luogo, dobbiamo sapere come controllare quanti dati app come Chrome o Firefox stanno scrivendo sull’SSD interno. Questo è semplice da fare su macOS, basta aprire Activity Monitor, andare alla scheda “Memoria”, e fare clic destro sul menu in alto. Poi, selezionare “Bytes scritti”.

Questo mostrerà quanti byte quella particolare app o processo ha scritto sul tuo SSD in totale da quando è stato aperto.

Disattivare la cache dei siti di media streaming in Google Chrome

Chrome utilizza un processo chiamato “Google Chrome helper” per scrivere e mettere in cache i file video sul tuo SSD. Fortunatamente, questa funzione può essere disattivata in modo relativamente semplice. Semplicemente copiate e incollate quanto segue e incollatelo nella vostra barra di ricerca, poi premete il tasto return.

chrome://flags/#turn-off-streaming-media-caching-always

Successivamente, cambiate l’impostazione di “Turn off caching of streaming media to disk” da “Default” a “Enabled”. Riavvia il browser quando richiesto, e questo è tutto. I contenuti video in streaming non verranno più scritti sul disco.

Disattivare la cache dei siti di media streaming con Brave/Opera

Brave e Opera sono basati su Chromium, il che significa che sono quasi identici a Chrome. Puoi semplicemente seguire le stesse istruzioni di Google Chrome.

Disattivare la cache del browser Firefox

Naviga nella barra di ricerca del tuo browser Firefox, e inserisci il seguente comando:

about:config

Appena sotto la barra di ricerca, c’è un’altra barra di ricerca dove dovrai inserire browser.cache.disk.enable e cambiare questa impostazione in false. Se preferite limitare la quantità di dati che la cache del browser scrive invece di disabilitarla completamente, è possibile anche questo.

 Assicurati che browser.cache.disk.enable sia impostato su true, e inserisci un valore per browser.cache.disk.capacity.

Potete anche cercare browser.cache.memory.enable e impostarlo su false se volete limitare quanta memoria Firefox utilizza per i dati della cache. Personalmente non lo faccio. Tuttavia, se volete evitare che Firefox usi troppa memoria, potete optare per questo approccio.

Disattivare la cache del browser Edge

Aprite il Finder e navigate fino alla cartella della vostra libreria nascosta. Potete farlo cliccando su Vai nell’angolo in alto a sinistra, tenendo premuto il tasto opzione sulla tastiera, e vedrete apparire la cartella Libreria.

Naviga fino a Libreria>Cache>Microsoft Edge>Default>.

Seleziona la cartella Cache, fai clic destro, ottieni informazioni, naviga in Condivisione e autorizzazioni e imposta il privilegio su "sola lettura".

Tieni presente che se svuoti la cartella caches, i permessi per questa cartella probabilmente si resetteranno. La soluzione è semplicemente navigare di nuovo in questa cartella e impostare di nuovo i permessi.

Ci sono degli svantaggi nel disabilitare le cache del browser?

In breve – non proprio. Potresti sperimentare una leggera perdita di prestazioni, in particolare quando guardi i video di Youtube o altri contenuti video in streaming. Questo perché invece di memorizzare nella cache i video (compreso il buffering) sul tuo SSD, il browser o non memorizza affatto il video nella cache, o lo memorizza nella RAM.

Questo porta al punto successivo – disabilitare la cache può anche aumentare leggermente la quantità di RAM utilizzata dal browser. Tuttavia nei miei test non ho notato un aumento significativo, e questo è rilevante solo se stai guardando attivamente o facendo streaming video.

 


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: