Come creare una RESTFUL API per la tua app (Velocemente)

Condividi questo articolo:


Finalmente hai creato la tua applicazione mobile.

Congratulazioni. So quanto tempo hai percorso perché sono già stato nei tuoi panni. Dovresti essere orgoglioso del tuo risultato.

Ora che hai capito tutti gli elementi di progettazione e codifica della tua applicazione mobile, qual è il prossimo passo?

È tempo di determinare in che modo l’app si connetterà a un server.

La maggior parte delle app disponibili oggi deve connettersi a Internet per funzionare correttamente. Le API sono un’opzione per la comunicazione back-end.

Ma se non hai molta esperienza nella creazione di API o altri servizi web, questo può sembrare un compito estremamente scoraggiante. Ecco perché ho creato questa guida.

Spiegherò tutto ciò che devi sapere sulle API. Imparerai come crearne uno e comprendere alcune differenze di base tra i vari tipi e opzioni.

Eseguiremo inoltre il processo di implementazione di un’API RESTful per la tua app mobile.

Ti mostrerò quali opzioni sono le migliori in modo da poter prendere una decisione informata.

Che cos’è un’API RESTful?

Prima di procedere, esaminiamo tutti i concetti di base.

L’API sta per “interfaccia del programma applicativo”. In breve, ciò consente agli sviluppatori di accedere alla piattaforma o all’applicazione di un’altra parte.

Un’API RESTful ha funzionalità specifiche che la differenziano.

Quando si tratta dell’architettura del server client, client e server sono entrambi completamente indipendenti l’uno dall’altro. Il componente front-end è il client e il back-end del servizio è il server.

Anche le API RESTful sono memorizzabili nella cache. Ciò significa che il client ha la capacità di archiviare tutte le risposte all’interno di una cache. Di conseguenza, l’API ha prestazioni migliorate.

Quando vengono elaborati i trasferimenti di richiesta, nessun dato viene archiviato sul server. Al contrario, i dati sono apolidi, il che significa che la sessione viene salvata sul lato client.

Le API RESTful sono comunemente denominate servizi Web RESTful perché implementano i principi REST e i protocolli HTTP.

Fondamentalmente, comprende numerose risorse con metodi HTTP e quindi viene rappresentato in un formato standard, che in genere è XML. Finché l’ipertesto è standard, funziona con tipi validi di supporti Internet.

Ecco una rappresentazione visiva di alcuni esempi.

visual representation

Alcuni esempi di formati di risposta API RESTful includono:

JSON
RIPOSO
XML-RPC
PHP
SAPONE

Inoltre, alcuni formati di richieste popolari per le API RESTful sono:

XML-RPC
RIPOSO
SAPONE
Nel complesso, le API RESTful migliorano le applicazioni mobili distribuite su Internet. Le applicazioni diventano più scalabili ed è anche più semplice modificarle.

In definitiva, la tua app diventerà più affidabile, portatile, visibile e semplificata con un’API RESTful.

Diversi tipi di API

Amazon, Google e Facebook forniscono tutte le API. È anche possibile ottenere un’API da un’altra terza parte.

Un’altra opzione è quella di sviluppare l’API internamente.

Anche se questa può sembrare un’opzione interessante, potrebbero esserci problemi con le API costruite internamente. Storicamente, il motivo per cui le API interne hanno problemi è perché le persone non le pianificano correttamente.

Anche gli sviluppatori che hanno esperienza di lavoro con più app, non significa che abbiano creato API o altri servizi Web progettati appositamente per le applicazioni mobili.

È come qualsiasi altra cosa. Se è la prima volta che fai qualcosa, sperimenterai alcuni dossi sulla strada.

Educare te stesso su diverse opzioni ti farà risparmiare tempo, denaro e mal di testa a lungo termine.

Un’altra popolare interfaccia API è di LinkedIn. Questo perché la loro piattaforma è utilizzata dai professionisti per fare rete, è leggermente diversa dalle API utilizzate da Twitter e Facebook.

LinkedIn limita l’accesso di terzi alla loro API. È limitato alle persone ufficialmente associate a loro.

La pagina degli sviluppatori di LinkedIn contiene una spiegazione dettagliata di come funziona la loro API RESTful e ti offre un tutorial su come fare le cose, come l’implementazione dei parametri di paging.

linkedin

La maggior parte delle moderne API di oggi sono amichevoli per gli sviluppatori.

Le aziende trattano le loro API allo stesso modo in cui tratterebbero un prodotto anziché un codice. Questo perché sono destinati a essere consumati da destinatari specifici, come gli sviluppatori.

Versioni diverse vengono scritte in modo che l’utente possa gestire le proprie aspettative ed eseguire una manutenzione regolare.

Man mano che le API diventano sempre più standardizzate, la sicurezza e il monitoraggio migliorano notevolmente. Ecco perché si comportano meglio e sono più facili da ridimensionare, come ho già detto in precedenza.

Le API hanno il proprio SDLC (ciclo di vita dello sviluppo del software) in termini di creazione, controllo delle versioni, test, progettazione e gestione.

Suggerimenti per la creazione dell’API

Prima di iniziare a creare un’API RESTful, volevo solo darti alcuni suggerimenti da prendere in considerazione.

Innanzitutto, raccomando di usare un’architettura comune. In questo modo i tuoi sviluppatori ne avranno più familiarità e, di conseguenza,

le cose dovrebbero funzionare senza intoppi.

Non vuoi presentare ai tuoi sviluppatori un’architettura straniera perché potrebbero avere difficoltà con essa. In questo caso, l’app e l’API ne risentiranno.

Ecco quattro diversi tipi di stili architettonici che potresti incontrare durante la ricerca del tuo design API:

Hypermedia
Pragmatic REST
Servizio web
Evento guidato
Hypermedia viene utilizzato principalmente per applicazioni Web. È facile scalare ed evolvere queste architetture API. Tuttavia, la maggior parte degli sviluppatori non ha molta familiarità con questo design.

Pragmatic REST è perfetto sia per applicazioni mobili che web. La maggior parte degli sviluppatori ne avrà familiarità, ma potrebbe essere difficile adattare questa architettura con il passare del tempo.

Il servizio web non è adatto per le app mobili, quindi non è qualcosa che dovresti considerare in questo momento. Volevo solo tirarlo fuori nel caso in cui ti sei imbattuto in esso durante la ricerca di architetture.

L’architettura basata su eventi può offrire un’opzione con un sovraccarico basso. Ci sono alcuni scenari in cui può fornire un servizio sufficiente.

Le app per i messaggi istantanei, i giochi per più giocatori e le applicazioni di chat video sono tutte adatte per l’architettura basata sugli eventi.

Layers

Per massimizzare l’efficacia dell’API, l’architettura dovrebbe avere componenti a più livelli. Ecco un grafico per mostrarti come questi livelli funzionano l’uno con l’altro.

strati

layers

Il livello di sicurezza è estremamente importante. Vuoi assicurarti che la tua attività non sia suscettibile a violazioni o minacce alla sicurezza. I dati archiviati nel back-end dei tuoi sistemi non dovrebbero essere accessibili a nessuno.

Il livello di memorizzazione nella cache si adatta meglio al bordo dell’architettura dell’API. Ciò semplifica il recapito di qualsiasi richiesta comune per le risposte memorizzate nella cache.

Rendere essenziale il livello di rappresentazione per lo sviluppatore con cui lavorare è essenziale. Ma vuoi farlo senza ostacolare le prestazioni del back-end.

L’inclusione di un livello di orchestrazione accanto all’interfaccia può consentire di combinare i dati di varie API.

Server

Lascia che il tuo server faccia la maggior parte del tuo lavoro. Il tuo server può aiutare gli utenti a mantenere bassi i costi per i loro dati di rete e anche a risparmiare la durata della batteria sui loro dispositivi.

La tua app mobile trarrà sicuramente vantaggio se puoi archiviare i dati in remoto su un server o eliminare alcune attività difficili su un dispositivo remoto.

La connessione a un’API remota manterrà tutti i tuoi dati al sicuro quando vengono archiviati. Di conseguenza, l’app può comunque funzionare senza problemi sul lato dell’utente.

L’archiviazione dei dati in remoto con un’API consente inoltre agli utenti di accedere facilmente alle loro informazioni poiché vengono sincronizzati con tutti i loro dispositivi.

Consentire al server di eseguire la maggior parte del lavoro porterà vantaggi anche agli sviluppatori. Ciò farà risparmiare loro tempo e darà loro l’opportunità di consolidare parte della codifica.

Dovresti sfruttare il server perché l’hardware è migliore di qualsiasi cosa i client mobili stiano usando per sgretolare i numeri.

Le prestazioni sono fondamentali quando si tratta di scegliere un server. Qualsiasi problema con il tuo server può assolutamente distruggere la tua app.

Gli utenti sono impazienti. È sfortunato, ma è vero. In effetti, il 39% degli utenti ha citato i problemi tecnici come motivo per abbandonare un’app.

app abandonment

Quindi trovare un server per la tua API che funzioni bene può aiutarti a evitare questo problema.

Nel caso in cui si verifichi un problema con il tuo server, è indispensabile che risponda con un messaggio di errore amichevole. Si desidera inoltre assicurarsi che i codici di errore facilitino la risoluzione del problema.

Altrimenti, l’app potrebbe ottenere valutazioni e recensioni scadenti. Ciò influirà negativamente sulla velocità di download e sul ranking della ricerca.

Volete anche tenere a mente gli utenti offline per tutti i dispositivi. Anche quando l’app è offline, la maggior parte degli utenti si aspetta che abbia una sorta di funzionalità.

Una volta connesso al server, verranno applicati tutti gli aggiornamenti e le funzionalità complete dovrebbero essere in grado di riprendere immediatamente.

Questo è importante per le app installate su più dispositivi per lo stesso utente, come un telefono e un tablet.

L’API dovrebbe avere un timestamp coordinato per sincronizzare eventuali modifiche sia sul frontend che sul backend del tuo sviluppo.

Altri suggerimenti vari

La scalabilità è qualcosa che dovrebbe sempre essere preso in considerazione quando si crea un’applicazione mobile. La creazione dell’API non è diversa, quindi assicurati che sia scalabile.

Voglio toccare di nuovo anche un altro punto sull’architettura. È necessario considerare la produzione, lo sviluppo e la gestione temporanea come i tre ambienti back-end per l’API.

Il tuo ambiente di sviluppo è utile quando le modifiche vengono apportate frequentemente dagli sviluppatori. Avere un sistema di integrazione continua in atto rende questo processo di costruzione molto più semplice.

Gli ambienti di gestione temporanea e di produzione saranno simili tra loro.

L’API dovrebbe inoltre avere endpoint URL costruiti in modo tale da rendere evidente il contenuto della specifica risorsa.

Uno dei modi migliori per comunicare con gli utenti che hanno l’app installata sui loro dispositivi è tramite le notifiche push.

Potresti utilizzare servizi di terze parti per gestire le tue notifiche push, oppure puoi utilizzare il tuo server API per farlo da solo. Il server può aiutarti a tracciare la posizione specifica dell’utente e inviare le notifiche di conseguenza.

In termini di database, dovrai determinare il tempo necessario in base ai dati utilizzati dall’app.

È anche importante pianificare più versioni e aggiornamenti durante la creazione di un’API.

Come implementare un’API RESTful

Una delle decisioni più importanti che prenderai durante l’implementazione dell’API RESTful è la posizione del tuo server di hosting.

Se lo desideri, potresti potenzialmente ospitare il tuo server, se ne hai la capacità. Ma puoi anche usare una soluzione di cloud hosting.

Devi solo assicurarti che sia scalabile e che funzioni bene.

È importante trovare un modo per proteggere il sistema API RESTful con crittografia, monitoraggio e backup automatici.

Il server OAuth2.0 è noto come uno dei modi più sicuri per proteggere l’API RESTful.

oauth2

Questo è molto più sicuro rispetto al tentativo di scrivere la propria procedura di autenticazione. È più semplice utilizzare solo metodi esistenti, come OAuth2.0.

Assicurati che tutte le tue password e altri dati sensibili non vengano memorizzati in testo semplice. Crittografa sempre queste informazioni.

Un’altra cosa da considerare quando si implementa l’API RESTful è il costo basato sull’utilizzo. Quanto aumenterà quando l’utilizzo aumenta?

Guarda le funzionalità di migrazione come sviluppo, produzione e gestione temporanea che potrebbero potenzialmente consentirti di configurare più ambienti.

Dovresti anche chiederti se i dati possono essere facilmente trasferiti su un’altra piattaforma o servizio.

L’uso degli strumenti giusti semplifica notevolmente l’implementazione dell’API RESTful.

Strumenti per aiutarti con la tua API RESTful

Come abbiamo appena detto, strumenti adeguati possono aiutarti a semplificarti la vita quando crei un’API RESTful per la tua applicazione mobile.

Ma se questo processo è nuovo per te, è possibile che tu non conosca il primo posto per iniziare a cercare questi strumenti.

Ecco alcune opzioni per iniziare nella giusta direzione.

Slate

Mi piace Slate perché ha un design così semplice.

slate

Puoi usare Github come host per questo strumento. Con Slate, tutto viene scritto in Markdown, quindi è davvero facile per gli sviluppatori capire e apportare modifiche.

Ti dà la possibilità di scrivere codice in più lingue. Inoltre, tutto è nella stessa pagina.

Per usare Slate avrai bisogno di:

Ruby (versione 2.3.1 o successiva)
OS X o Linux
Bundler
Questo strumento è uno dei primi posti in cui dovresti iniziare a creare un’API RESTful.

Apiario

Il progetto Apiary è di provenienza aperta.

Di tutti gli strumenti per l’API RESTful, Apiary si concentra principalmente sui componenti di progettazione.

Devi assicurarti di avere un semplice editor di testo prima di iniziare a usare Apiary. Per un’esperienza più avanzata, raccomandano di cambiare la sintassi in Markdown.

Swagger

Swagger ha anche strumenti open source.

Ti consente di creare un’API RESTful con un flusso di lavoro stabilizzato, il che significa che trarrai vantaggio dagli aggiornamenti automatici.

Le loro grandi librerie hanno modelli di server in tutti i linguaggi di codifica più popolari con plugin.

Conclusione

Dopo aver completato la creazione di un’applicazione mobile, dovrai capire come la tua app si connetterà al server.

L’implementazione di un’API RESTful è la soluzione.

Esistono diversi tipi di API. È possibile utilizzare un formato esistente o svilupparne uno internamente. Queste API sono disponibili anche in diversi formati.

La sicurezza deve sempre essere una priorità durante questo processo. Assicurati sempre che i tuoi dati siano protetti e crittografati.

Le API RESTful possono aiutare a rendere la tua app mobile più affidabile, portatile, semplificata e visibile.

Trovare gli strumenti giusti può aiutarti a implementare un’API RESTful.

Se è la prima volta che crei un’API RESTful, utilizza questa guida come riferimento.

Che tipo di API RESTful costruirai per la tua applicazione mobile?


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: