Come costruire un Android TV Box con una Raspberry Pi

Condividi questo articolo:


Volete realizzare un media center basato su Raspberry Pi, ma trovate che l’installazione di base di Kodi non offra abbastanza funzionalità? Non preoccupatevi, c’è un’alternativa collaudata: La TV Android!

Ecco come installare Android TV e godere dei vantaggi di ogni popolare applicazione di streaming che gira su Android, sul vostro Raspberry Pi.

Android  TV BOX

Si tratta di un progetto relativamente semplice:

  • Installare una ROM dedicata per Android sul vostro Raspberry Pi
  • Installare un software specifico per Android TV
  • Inizia a guardare la TV
    È davvero così semplice. Se sapete come installare un sistema operativo sul vostro Raspberry Pi, non dovreste avere problemi.

Prima di iniziare, a creare la vostra Android Tv Box con Raspberry PI assicuratevi di avere i seguenti componenti:

  • Una Raspberry Pi 3 (attualmente nessun supporto per Pi 3 B+ o Pi 4)
  • Una scheda microSD di buona qualità
  • Alimentazione affidabile Raspberry Pi
  • Tastiera e mouse USB (o telecomando combinato)
  • Chiavetta USB
  • Cavo HDMI
  • Cavo Ethernet (opzionale)

Avrete anche bisogno di scaricare i seguenti software:

Pronti a iniziare?

Passo 1: installare Android

L’installazione di LineageOS sul vostro Raspberry Pi vi offre i vantaggi del sistema operativo Android. Ciò significa un supporto potenzialmente migliore per i software multimediali, come YouTube e Kodi. Con le giuste applicazioni Google installate, tuttavia, il vostro Raspberry Pi Android powered Raspberry Pi è un ottimo televisore Android.

Questo è possibile con varie versioni di Android per Raspberry Pi (una delle quali abbiamo già visto in precedenza), ma per i migliori risultati, utilizzate la versione di LineageOS collegata a quanto sopra. Prima di procedere, assicuratevi che il file ZIP sia scompattato.

Come installare Android su un Raspberry Pi Vuoi installare Android sul tuo Raspberry Pi? Ecco come fare e perché installare Android su Raspberry Pi. Per saperne di più
Installare Android sul Raspberry Pi con Etcher

Per l’installazione, inserire prima la scheda microSD di Raspberry Pi nel lettore di schede per PC ed eseguire Etcher.

Qui, cliccate su Seleziona immagine e navigate fino al file immagine decompresso. Selezionate questo, quindi assicuratevi che la vostra scheda SD sia selezionata in Seleziona unità. Una volta soddisfatti, fare clic su Flash per iniziare a scrivere l’immagine del disco Android.

Attendere la scrittura a finish-Etcher vi informerà quando il processo è completo, quindi espellere la scheda SD. Inserirla nel vostro Raspberry Pi, quindi avviare.

Alla prima esecuzione, potrebbe essere necessario un po’ di tempo per il caricamento di Android. Una volta avviato, se si dispone di una tastiera e un mouse a portata di mano, impostare il Wi-Fi. In caso contrario, collegate il vostro Raspberry Pi alla rete utilizzando un cavo Ethernet collegato al router.

Dopo l’installazione e un avvio riuscito, LineageOS richiederà una configurazione di base. Queste saranno solo le solite cose: impostare il paese, il fuso orario, ecc.

Fase 2: Preparare Android TV per Google Apps

Il tuo Raspberry Pi è ora in esecuzione Android. Questa è una versione basata su AOSP, il che significa che non sono installate applicazioni Google. Sarà invece necessario farlo manualmente.

Dovresti aver già scaricato il pacchetto GApps sul tuo PC. Visita opengapps.org e seleziona:

  • ARM
  • 8.1
  • Pico
    (Si è tentati di selezionare l’opzione TV Android piuttosto che Pico-don’t. Questo è semplicemente un file più grande, e non fa altro che causare problemi in futuro).

Selezionare Download, poi quando il file GApps viene salvato sul PC, copiarlo sulla chiavetta USB. Rimuovetelo in modo sicuro e inseritelo nel vostro Raspberry Pi.

Successivamente, su LineageOS, aprite il cassetto delle applicazioni e selezionate Impostazioni > Sistema > Informazioni sulla tavoletta. Qui, scorrere verso il basso fino a Build number e cliccarlo ripetutamente. Alla fine, questo aggiungerà il menu Opzioni dello sviluppatore alla schermata precedente.

Cliccate indietro fino a quando non siete usciti dall’app Settings, poi riapritela e navigate su System > Developer options (Sistema > Opzioni dello sviluppatore). Selezionate Root access e scegliete l’opzione Apps e ADB, cliccando su OK quando viene visualizzato l’avviso.

Successivamente, scorrere verso il basso fino al terminale locale e abilitare l’app. In questo modo si ottiene l’accesso alla shell locale, il che significa che è possibile inserire comandi tramite la tastiera.

Tornare al cassetto delle app, dove si trova l’app Terminale. Fate clic per aprire e consentire l’accesso al vostro dispositivo ai permessi dell’app.

Successivamente, inserite il comando superutente:

su

Apparirà una casella di avvertimento della Privacy Guard. Spunta Ricorda la mia scelta (per garantire il futuro permesso per quello che stai per fare) e poi Consenti.

Successivamente, inserisci il comando

rpi3-recovery.sh

Carica lo script di recupero. Inserire il comando di riavvio per lanciarlo.

Riavviare

Il Raspberry Pi si avvia nella console di recupero della TWRP. Qui, selezionare Install, quindi selezionare Storage per scegliere il dispositivo flash USB.

Selezionare il file GApps, quindi Installare Zip, e nella schermata successiva controllare Riavvio dopo l’installazione, quindi strisciare per confermare Flash.

Quando il dispositivo si riavvia, si dovrebbe essere in grado di accedere al Play Store.

Fase 3: Configurazione dell’interfaccia TV Android

Finora, noterete che l’interfaccia su LineageOS del vostro Raspberry Pi assomiglia fondamentalmente ad Android, non ad Android TV. Per cambiare questo aspetto, avrete bisogno di un launcher

Ne sono disponibili diversi; abbiamo usato un launcher ad-supported, ATV Launcher Free dal Play Store. È sufficiente effettuare l’accesso con il consueto account di Google, cercarlo e installarlo (si noti che l’accesso iniziale al Play Store richiederà qualche istante per essere completato grazie alle fasi di verifica).

 

Con l’interfaccia ordinata, sarà necessario aggiungere alcune utili applicazioni multimediali. Cose come YouTube, Plex, Amazon Prime Video, Kodi e altro ancora, e sono tutte disponibili su Google Play. Basta installarle come al solito per ottenere i vantaggi degli abbonamenti esistenti.

Nota: le prestazioni di queste applicazioni si sono rivelate al massimo mischiate. Per ottenere i migliori risultati, si consiglia di utilizzare YouTube. Se siete alla ricerca di altre app, cercate le versioni migliori da installare.

Fase 4: Controllo della TV Android su Raspberry Pi

Con tutto pronto, probabilmente vorrete scollegare il mouse e la tastiera a favore di qualcosa di leggero. Sono disponibili diverse opzioni remote per il Raspberry Pi, che dovrebbe funzionare con la TV Android.

Un’opzione è il Mini Wireless Keyboard/Air Remote Control che è un dispositivo combinato con retroilluminazione a LED configurabile.

In alternativa, si potrebbe preferire il iPazzPort Wireless Mini tastiera senza fili con Touchpad. Questo combina la tastiera e il touchpad insieme a un pad D e controller media in un’unica unità.

Entrambi i dispositivi sono wireless e vengono spediti con un dongle Wi-Fi dedicato appositamente digitato per i telecomandi.

Godetevi i vostri film con la TV Android su Raspberry Pi!

Ormai dovreste avere un Raspberry Pi 3 o più tardi che pompa fuori i video e la musica usando il LineageOS con un’interfaccia utente Android TV. A tutti gli effetti, avete un Android TV box!

Certo, potreste avere problemi di prestazioni, quindi assicuratevi che la vostra scheda microSD sia all’altezza. Inoltre, controllate di utilizzare un alimentatore Raspberry Pi approvato. Questo assicurerà che il Pi riceva l’energia di cui ha bisogno senza rischi di sottotensione e di corruzione della scheda microSD.

 

SCARICA LA GUIDA UFFICIALE A RASPBERRY PI CON OLTRE 200 PROGETTI

 


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: