Come aumentare gli acquisti della tua App con il retargeting

Condividi questo articolo:


I rivenditori di oggi stanno lavorando a strategie di diversificazione dei prodotti e l’ultima domanda che ha in mente ogni giocatore di e-commerce è: “Come posso aumentare il valore della vita dei miei clienti?”

Man mano che le aziende diventavano più avanzate nello spazio digitale, anche le soluzioni pubblicitarie, in particolare sui dispositivi mobili. Una delle prime cose che potrebbero venire in mente qui è il retargeting, e giustamente. Il retargeting consente ai giocatori del commercio mobile di pubblicare annunci mirati in base agli acquisti passati dei loro clienti.

Il retargeting, se fatto male, a volte può sembrare irritante (siamo stati inseguiti su Internet da annunci pubblicitari per cose che abbiamo appena acquistato). Tuttavia, se utilizzato nel modo corretto, può pagare dividendi enormi. Quindi perché i rivenditori non riescono a consegnare messaggi in sintonia con le esigenze delle persone? Perché non sorprendono i consumatori e alla fine li fanno spendere di più?

È tempo di valutare le opzioni di retargeting che il mobile ha in serbo per l’e-commerce.

Fonti di dati per il retargeting mobile

A differenza del retargeting su desktop, in cui le persone sono targetizzate in base ai cookie, il retargeting su dispositivi mobili utilizza altre fonti di informazioni per tracciare le persone negli ambienti in-app, creare profili e mostrare loro annunci pertinenti. Le fonti di dati necessarie qui sono:

ID dispositivo mobile dai dispositivi che scelgono di condividerli
Dati di prima parte su qualsiasi interazione dell’utente all’interno dell’app, ID prodotto, dettagli dell’offerta e collegamenti diretti forniti dagli inserzionisti
Spazio pubblicitario in-app dalle reti pubblicitarie
Strategie di retargeting intelligente per l’e-commerce

Una volta che tutte le fonti di dati sono disponibili, è importante valutare quali punti dati devono essere considerati al fine di retargetare le persone giuste con i prodotti giusti. In genere, i rivenditori di app ottengono i migliori risultati osservando la cronologia degli acquisti dei loro utenti, insieme ai loro singoli attributi. Ecco come è fatto:

Mantieni i segmenti aggiornati

Per evitare il targeting delle persone con prodotti che hanno già acquistato, i segmenti di utenti devono essere aggiornati. Gli strumenti dinamici di segmentazione dei clienti si occupano di ciò in tempo reale. Non appena viene effettuato un acquisto, l’utente in questione viene rimosso da un determinato segmento, il che significa che non vede più gli stessi prodotti.

A volte la stessa cosa è perfetta

Con tutto il discorso sulla diversificazione del prodotto, vale la pena notare che la promozione dello stesso prodotto ha senso in determinate condizioni.

Se un utente ha aggiunto un articolo al carrello ma non ha seguito l’acquisto, il retargeting offre la possibilità di ricordare all’acquirente quel particolare prodotto. Questo tende a funzionare bene entro 24 ore dalla caduta dell’oggetto nel carrello.

Con beni di consumo in rapido movimento (FMCG) o servizi che vengono rinnovati su base regolare, il retargeting può anche essere efficace nell’incoraggiare specifici consumatori a spendere di più per i prodotti che hanno già acquistato. Offrire sconti allettanti è un vincitore comprovato qui.

Le molte sfaccettature della diversificazione del prodotto

Poiché esiste un limite al numero di prodotti che una persona può acquistare ripetutamente, i rivenditori possono massimizzare le proprie entrate espandendo la propria gamma di prodotti. Il seguente grafico evidenzia in che modo i rivenditori possono raggiungere le entrate più elevate per utente raccomandando diversi prodotti tramite retargeting.

 

Quando si avvia il retarget di un utente, i rivenditori possono mostrare più annunci dello stesso prodotto, aumentando così le entrate per utente. Questo aumento durerà solo fino a una certa soglia (livello x). Per aumentare le entrate per utente oltre a ciò, i rivenditori possono incrociare o aumentare le vendite per ottenere le entrate massime per utente.

Nel diversificare una gamma di prodotti, i rivenditori devono anche tenere conto di determinate condizioni. L’utilizzo di un motore di raccomandazione tra prodotti è la chiave per offrire alle persone prodotti aggiuntivi che completano un acquisto e fornire una migliore esperienza di acquisto. I motori intelligenti imparano a conoscere i consumatori e forniscono suggerimenti personalizzati per i prodotti che potrebbero voler acquistare. Diamo una rapida occhiata ad alcuni esempi:

Cross-selling basato su prodotti: T-shirt → Jeans
Più venduti: Jeans → Jeans più costosi
Cross-selling basato su attributi: TV, Sistema audio → Videogiochi

Vendi alle persone i prodotti giusti

Diversificare un prodotto è una cosa. Vendere alle persone quello giusto è un altro. Con strumenti e strategie di retargeting mobile sensibili e intelligenti, le aziende che sfruttano il commercio mobile raggiungeranno questo obiettivo e alla fine massimizzeranno i loro ricavi per utente.


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: