Che cos’è una Raspberry Pi?

Condividi questo articolo:


Raspberry Pi è il nome di una serie di computer a scheda singola realizzati dalla Raspberry Pi Foundation, un’associazione di beneficenza britannica che mira a educare le persone all’informatica e a creare un accesso più facile all’educazione informatica.

Il Raspberry Pi è stato lanciato nel 2012, e da allora sono state pubblicate diverse iterazioni e varianti. Il Pi originale aveva una CPU single-core a 700MHz e appena 256MB di RAM, e l’ultimo modello ha una CPU quad-core a 1,4GHz con 1GB di RAM. Il prezzo principale per Raspberry Pi è sempre stato di 35 dollari e tutti i modelli sono stati di 35 dollari o meno, compreso il Pi Zero, che costa solo 5 dollari.

In tutto il mondo, le persone usano Raspberry Pis per imparare le capacità di programmazione, costruire progetti hardware, fare automazione domestica e persino utilizzarli in applicazioni industriali.

Il Raspberry Pi è un computer molto economico che fa funzionare Linux, ma fornisce anche un set di pin GPIO (general purpose input/output) che permettono di controllare i componenti elettronici per il calcolo fisico ed esplorare l’Internet delle cose (IoT).

Raspberry Pi 3 Model B+

Quali modelli di Raspberry Pi sono stati rilasciati?

Ci sono state tre generazioni di Raspberry Pi: Pi 1, Pi 2 e Pi 3, e in genere ci sono stati un modello A e un modello B della maggior parte delle generazioni. Il modello A è una variante più economica e tende ad avere una RAM e porte ridotte come USB ed Ethernet. Il Pi Zero è uno spin-off della generazione originale (Pi 1), reso ancora più piccolo e più economico.

Cos’è la Fondazione Raspberry Pi?

La Raspberry Pi Foundation lavora per mettere il potere dell’informatica e del digitale nelle mani delle persone di tutto il mondo. Lo fa fornendo computer a basso costo e ad alte prestazioni che la gente usa per imparare, risolvere problemi e divertirsi. Fornisce assistenza e istruzione per aiutare un maggior numero di persone ad accedere all’informatica e al digital making – sviluppa risorse gratuite per aiutare le persone ad apprendere l’informatica e a fare cose con i computer e forma anche educatori che possono guidare altre persone ad apprendere.

Code Club e CoderDojo fanno parte della Raspberry Pi Foundation, anche se questi programmi sono di tipo platform-agnostic (non legati all’hardware Raspberry Pi). Raspberry Pi promuove questi club e aiuta a far crescere la rete in tutto il mondo per garantire che ogni bambino abbia accesso all’apprendimento dell’informatica. Allo stesso modo, le marmellate di lamponi sono eventi incentrati su Raspberry Pi per persone di tutte le età che si riuniscono per imparare a conoscere Raspberry Pi e condividere idee e progetti.

Il Raspberry Pi è open source?

Il Raspberry Pi opera nell’ecosistema open source: esegue Linux (una varietà di distribuzioni), e il suo principale sistema operativo supportato, Raspbian, è open source e gestisce una suite di software open source. La Raspberry Pi Foundation contribuisce al kernel di Linux e a vari altri progetti open source, oltre a rilasciare gran parte del proprio software come open source.

Gli schemi della Raspberry Pi vengono rilasciati, ma la scheda stessa non è un hardware aperto. La Raspberry Pi Foundation si basa sugli introiti della vendita di Raspberry Pis per fare la sua opera di beneficenza.

Raspberry Pi schematics

Cosa si può fare con un Raspberry Pi?

Alcune persone comprano un Raspberry Pi per imparare a codificare, e le persone che possono già codificare usano il Pi per imparare a codificare l’elettronica per progetti fisici. Il Raspberry Pi può aprirvi la possibilità di creare i vostri progetti di automazione domestica, che è popolare tra le persone della comunità open source perché vi mette in controllo, piuttosto che utilizzare un sistema chiuso proprietario.

Creating a physical product with Raspberry Pi

Iniziare con Raspberry Pi

Quindi hai un Raspberry Pi, o stai pensando di ottenerne uno, e vuoi sapere come iniziare e come diventare un utente master di uno.

Il Raspberry Pi è un computer a scheda singola, il che significa che per molti versi è un normale PC, tranne per il fatto che tutto ciò che compone il computer è su una singola scheda piuttosto che su un PC tradizionale, che ha una scheda madre e richiede una serie di schede figlia aggiuntive per realizzare un’intera unità.

Modelli

Ci sono diversi modelli di Raspberry Pi. Se state acquistando ora, il migliore per uso generale è il Pi 3 Modello B. È l’ultimo e il più grande modello a tutto tondo. Altri modelli, come il Pi Zero, sono migliori per i progetti embedded, ma se sai come andare avanti con un Pi 3, stai iniziando in maniera ottima.

Hardware: Di cosa avete bisogno per la vostra Raspberry PI?

Per l’uso quotidiano, è necessario collegare un mouse, una tastiera e un display, oltre all’alimentazione. In particolare, ne avrete bisogno:

Mouse USB
Tastiera USB
TV o monitor
Cavo HDMI
Cavo di alimentazione Micro USB
Scheda Micro SD
Se il vostro monitor è DVI o VGA, avrete bisogno di un adattatore. Qualsiasi vecchio cavo Micro USB alimenterà un Pi 1, ma i più affamati Pi 2 o 3 richiedono rispettivamente un’alimentazione da 2A e 2,5A.

Pi Connected

 

È possibile utilizzare un cavo Ethernet per una connessione di rete più affidabile o utilizzare un dongle USB per aggiungere Wi-Fi o Bluetooth, oppure collegare un altro dispositivo USB.

Extra opzionali:

Cavo Ethernet
Dongle USB Wi-Fi
Dongle USB Bluetooth
Cuffie o altoparlanti
Si noti che il Pi 3 è dotato di Wi-Fi e Bluetooth integrati, quindi i dongle per questi non sono necessari. Potete anche usare il Bluetooth per l’audio se avete un altoparlante Bluetooth o delle cuffie, ma non preoccupatevi, il Pi ha ancora un jack per cuffie da 3,5 mm.

Software: Installazione di un sistema operativo su raspberry PI

Si installa il sistema operativo di Raspberry Pi da una scheda Micro SD. La scheda contiene il sistema operativo del Pi e archivia i file come farebbe un disco rigido in un PC. Molti sistemi operativi sono disponibili per il Pi e la maggior parte sono distribuzioni di Linux. Il sistema operativo mantenuto e ufficialmente supportato dalla Raspberry Pi Foundation è Raspbian, che è basato su Debian, ottimizzato per il Pi Raspberry, e include un sacco di software utile.

SD Micro

Gli utenti avanzati avranno familiarità con l’installazione di un’immagine su una scheda SD, ma per i principianti è stato creato un installatore di sistema operativo chiamato NOOBS (New Out Of the Box Software) per facilitare il processo.

Il modo più semplice per iniziare è quello di acquistare una scheda Micro SD preinstallata con NOOBS. Spesso è possibile acquistare una Raspberry Pi con la scheda SD inclusa oppure si può acquistare la scheda SD preinstallata da sola.

Se avete una scheda Micro SD in giro e volete usarla, potete facilmente scaricare e installare Raspbian da soli.

Raspberry Downloads

 

Principianti: NOOBS

Il modo più semplice per iniziare è affrontare NOOBS. Basta scaricare NOOBS dal sito web di Raspberry Pi, estrarre i file dallo ZIP, formattare la scheda SD, quindi trascinare i file sulla scheda SD. Tutto qui: avete installato NOOBS e siete pronti a partire. Per ulteriori informazioni, consultare la guida rapida di Raspberry Pi.

NOOBS

Un’altra opzione facile: Etcher

Un’altra facile opzione è scaricare l’immagine di Raspbian dal sito web di Raspberry Pi, e scaricare Etcher da etcher.io. Lanciate Etcher, scegliete il vostro file Raspbian .img, scegliete la vostra scheda SD e cliccate su Flash.

Etcher

Raspbian: Uno sguardo veloce

Ora state guardando il desktop Raspbian Jessie PIXEL. Dovrebbe avere un aspetto e una sensazione di familiarità con i computer desktop e portatili che avete usato in precedenza, siano essi Windows, Mac, Linux o Chrome OS. C’è un menu nella barra in alto: Cliccaci sopra per scoprire i programmi disponibili. Raspbian viene fornito con una grande suite di applicazioni che include un browser web (Chromium), una suite per ufficio (LibreOffice), ambienti di programmazione (Scratch, Python, Sonic Pi, Java e Mathematica), giochi (Minecraft e Python Games) e utilità generali (Archiver, Terminal e Leafpad text editor).

Pixel

Prossimi passi

Tutto quello che vi ho mostrato finora è stato l’utilizzo del Raspberry Pi come PC desktop, ma oltre ad essere un computer molto piccolo e conveniente, ha anche capacità molto più interessanti che non troverete sul vostro PC o laptop medio

Robot

GPIO

Il Pi ha un set di 40 pin, che sono pin GPIO (General Purpose Input Output) che si possono usare per collegare componenti elettronici come luci, cicalini, motori e sensori, e scrivere programmi che interagiscono con essi – leggere i valori dei sensori e controllare luci, cicalini e motori.

Il modo più semplice di usare GPIO è attraverso una libreria Python chiamata GPIO Zero.

Componenti aggiuntivi

Oltre a collegare i componenti elettronici, esiste anche un ecosistema comunitario di schede aggiuntive con tutti i componenti incorporati in un’unica scheda, come il Sense HAT, che aggiunge una matrice LED, un gruppo di sensori e un mini joystick al vostro Pi. Questo è perfetto per esperimenti scientifici, giochi e altro ancora. Il Pi ha anche un emulatore per il Sense HAT, in modo da poterlo provare senza acquistare hardware aggiuntivo.

IoT

L’Internet degli oggetti (Internet degli oggetti) è tutto ciò che riguarda il collegamento di dispositivi ordinari a casa o in qualsiasi altro luogo. Poiché il Raspberry Pi è così piccolo, economico e facile da collegare a Internet o a una rete locale, e programma in qualsiasi lingua, è uno strumento popolare per gli hobbisti che creano i propri dispositivi IoT. Date un’occhiata ai post relativi all’internet degli oggetti sul blog di Raspberry Pi.

Comunità

La comunità Raspberry Pi è una comunità amichevole e accogliente, sia online che offline. Leggete il blog di Raspberry Pi, partecipate ai forum di Raspberry Pi, consultate lo Stack exchange, o seguite Raspberry Pi su Twitter, Facebook o Google+. Avete anche a disposizione una brillante rete di eventi Raspberry Pi per tutta la famiglia chiamata Raspberry Jam. Assicuratevi di dare un’occhiata alla mappa e di vedere se ce n’è uno vicino a voi.


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: