Business Model Canvas per applicazioni

Condividi questo articolo:


Il business model canvas dell’app è un modello di una pagina che consente di esaminare e comunicare problemi strategici di un’app.

Spesso i progetti di app vengono affrontati da una sola prospettiva, ignorando altri aspetti importanti che rendono un’app riuscita. L’app canvas ti aiuta a elaborare gli aspetti tecnici, funzionali e aziendali più importanti di un concetto di app ponderato e a riassumerli in un’unica pagina.

Vantaggi dell’utilizzo dell’App Canvas

Applicabile a tutti i tipi di app (B2B, B2C, B2E).
Trasmette la tua idea di app a college, investitori o agenzie.

Chi può beneficiare dell’App Canvas?

I team creativi stanno usando l’app canvas per strutturare i loro brainstorming e workshop.
Start-up e imprenditori comunicano la loro idea di app su un’unica pagina a partner e investitori.
I clienti (che vogliono commissionare un’app) preparano il loro briefing con la tela dell’app.
Le agenzie compilano l’app canvas insieme ai loro clienti per perfezionare gli obiettivi del progetto.

Ecco come funziona l’App Canvas

L’App Canvas è basato su Business Model Canvas di Alex Osterwalder. Mentre il Business Model Canvas è stato progettato per concetti di business in generale, abbiamo sviluppato l’App Canvas per progetti di app in particolare.

La tela copre otto aspetti: Partendo dalla definizione del problema e dal gruppo target, attraverso la proposta di valore e le caratteristiche, fino al business e al marketing. Ogni punto è rilevante per le app orientate al profitto e per le app con un valore strategico di business, ad esempio per la fidelizzazione dei clienti o l’efficienza dei dipendenti.

1. – Problema

È buon senso che un prodotto debba risolvere un problema o soddisfare una necessità. Le app sono particolarmente adatte per risolvere problemi specifici dell’utente, poiché vengono rapidamente installate e disponibili in quasi tutti i contesti.

Quindi metti da parte le tue soluzioni per un momento e inizia con i problemi dei tuoi utenti. Cosa stai cercando di risolvere? Non accontentarti delle tue prime risposte, ma chiedi il «perché» più volte per capire meglio l’essenza del problema.

Rifletti se il problema è incorniciato abbastanza strettamente da essere effettivamente rilevante per i tuoi utenti. Assicurati che il dolore causato dal problema sia abbastanza grande, in modo che gli utenti siano disposti a scaricare una nuova app o addirittura a pagare per essa.

2. Utente

Chi sono i tuoi utenti? Anche se il gruppo target è davvero grande: la tua app non sarà mai rilevante per ‘tutti’. Definisci il tuo gruppo target con caratteristiche demografiche (età, sesso, paese, reddito, ecc.), ma cerca anche di caratterizzare i tuoi utenti (stile di vita, valori, motivazione, ecc.). Prova a stimare la dimensione del tuo gruppo di destinazione, in modo da avere alcuni numeri per calcolare il potenziale aziendale.

3. Valore

Quale promessa fa la tua app? Pensa a una descrizione a una o due frasi per attirare gli utenti. Driscilo in modo chiaro, preciso e indica le tue caratteristiche uniche. Questo modello di Geoff Moore potrebbe aiutarti:

Per _______________ (cliente target)
chi _______________ (dichiarazione della necessità o opportunità)
la nostra app è _______________ (categoria prodotto)
che _______________ (dichiarazione di beneficio)
Esempio: Per i giovani viaggiatori (1) che vogliono vivere una città come la gente del posto (2) la nostra app è una piattaforma online basata sulla comunità (3), che offre sistemazioni uniche da host privati (4).

4. Caratteristiche

Elenca le 3-6 funzioni più importanti e assegna loro priorità. Cerca di essere il più comprensibile possibile, anche se fai uso di punti puntati.

5. Alternative

Come viene risolto il problema al momento? C’è già un’app per questo? Se sì, come puoi recuperare i concorrenti? In caso contrario, gli utenti utilizzano soluzioni alternative, ad esempio strumenti analogici? O il dolore non è abbastanza grande per usare una soluzione improvvisata?

Prova tu stesso le alternative e analizza i loro punti di forza e di debolezza.

6. Obiettivo commerciale

Quale obiettivo stai cercando di raggiungere? Ecco alcune motivazioni comuni:

Guadagnare vendendo l’app o gli abbonamenti, con link di affiliazione o visualizzando annunci
Miglioramento della fidelizzazione dei clienti, dialogo con i clienti o valore del marchio
Miglioramento dell’efficienza (dei dipendenti)
Tracciamento degli utenti per ricerche di mercato e informazioni sui clienti
Ora, perfeziona ulteriormente il tuo obiettivo: quante entrate vuoi guadagnare? Quanto tempo possono risparmiare i tuoi dipendenti? Per quanto tempo e spesso gli utenti dovrebbero usare la tua app?

Prova a riassumere la tua strategia in poche frasi.

7. Piattaforma

Per quale piattaforma deve essere sviluppata l’app? Tutti gli utenti hanno telefoni degli stessi produttori (ad esempio in un’azienda)? O l’app punta sull’ampia massa di utenti Android? Quali tecnologie utilizzano i concorrenti e sono queste le scelte ottimali? La distribuzione sull’app-store è ragionevole o è un’app Web (progressiva) più appropriata?

Se non sei sicuro di quale piattaforma scegliere, prova il nostro consulente interattivo per la tecnologia delle applicazioni (in tedesco).

8. Costo

Qual è il tuo budget? E’ realistico? Hai preso in considerazione il costo per il funzionamento, la manutenzione e il marketing? Sarebbe fastidioso se la tua app viene finalmente pubblicata nell’app-store, ma non puoi permetterti di pubblicizzarla o di correggere bug fastidiosi.

9. Strategia di marketing

In che modo gli utenti scoprono che la tua app esiste? A seconda della funzionalità dell’app, del gruppo di destinazione e dell’obiettivo aziendale, potrebbero essere applicabili varie tecniche:

  • Integrazione della tua app nelle tue strategie di marketing.
  • App Store-Optimization (ASO)
  • Esecuzione di annunci
  • Creazione di una pagina di destinazione per il motore di ricerca
  • Pubblicazione nella Intranet
  • Relazioni pubbliche

Scarica qua il modello di business canvas per le app in PDF: app-canvas


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: