4 vantaggi del marketing CPI nello sviluppo di app

Condividi questo articolo:

Il marketing del costo per installazione (CPI) permette ai team di sviluppo di app di sapere se le loro campagne pubblicitarie stanno pagando. La metrica lega direttamente la spesa pubblicitaria totale al numero di download che sono risultati dalla campagna pubblicitaria. Le aziende che vogliono misurare il successo di una campagna pubblicitaria dovrebbero considerare l’integrazione del CPI nei loro piani di marketing.

Tra App Store e Google Play Store, ci sono oltre 4 milioni di applicazioni disponibili per gli utenti da scaricare. Questo lascia il mercato piuttosto saturo per i nuovi arrivati che vogliono far uscire il loro nome e tagliare il rumore.

È qui che entra in gioco l’app marketing. Molte aziende si concentrano così intensamente sullo sviluppo della loro app che il marketing è completamente secondario. Mentre la funzionalità dovrebbe essere al primo posto nella vostra lista di priorità, dovrebbe comunque essere eseguita strategicamente con obiettivi significativi e indicatori chiave di performance (KPI).

Le metriche sono importanti in ogni business, ma particolarmente importanti in business solo digitali come lo sviluppo di app tecnologiche e mobili. È improbabile che tu veda o parli con molti dei tuoi utenti di persona. Avrete bisogno di identificare e tracciare metriche mirate per sapere come i vostri utenti percepiscono e vivono il vostro prodotto.

Il marketing CPI è un modo di gestire questo processo. CPI è un KPI popolare nel mondo dello sviluppo di app, ideale per coloro che si chiedono se si stanno connettendo con la loro base di utenti all’inizio del loro viaggio con la vostra app.

Questo articolo definirà il marketing CPI così come i casi d’uso e i benefici ideali per i team di sviluppo nello spazio delle applicazioni mobili.

Cos’è il CPI Marketing?

Il marketing CPI è il marketing delle applicazioni mobili che si concentra sul CPI (costo per installazione) come metrica principale. CPI è una metrica di acquisizione del cliente – dice ai marketer quante persone hanno scaricato l’applicazione dopo essere state esposte a una campagna pubblicitaria correlata.

Il CPI è calcolato dividendo il costo totale della spesa pubblicitaria delle app per il numero di utenti che hanno installato l’app. Questo si traduce nella quantità di denaro che la vostra azienda sta spendendo per un singolo download della vostra app mobile.

Il marketing CPI si concentra esclusivamente sul viaggio del cliente che ha luogo prima di aprire l’app. Questo include l’esposizione alla pubblicità o ai contenuti promozionali sui marketplace delle app mobili, i social media, i risultati dei motori di ricerca e altro ancora.

Esempio di CPI Marketing in azione:

Per esempio, Google Ads offre opzioni pubblicitarie uniche per le app mobili sul Google Play Store. A parte la piattaforma ospitante, queste pubblicità di app app appaiono molto simili ad altri annunci PPC.

Nell’esempio di Google, una ricerca di un gioco d’avventura produrrà senza dubbio centinaia di risultati. I commercianti di app possono incanalare il loro gioco mobile in cima alle pagine dei risultati investendo in una campagna di app. Gli annunci sono progettati, offerti e controllati dalle aziende stesse, quindi c’è anche un discreto livello di flessibilità.

In una campagna pubblicitaria per app mobili come questa, gli utenti che cliccano sull’annuncio saranno diretti all’annuncio dell’app. Spesso, alle aziende viene addebitato un importo fisso di denaro ogni volta che un utente fa clic su un annuncio, ma le strutture di pagamento possono anche variare a seconda della piattaforma che ospita gli annunci.

Il denaro speso dagli utenti che cliccano sugli annunci costituirà la spesa totale dell’annuncio, che sarà divisa per il numero di utenti che hanno deciso di installare l’app sul loro dispositivo mobile dopo aver visto l’annuncio.

Metriche dell’app mobile da abbinare al CPI

Il marketing CPI implica che la metrica CPI sia al centro della scena nei vostri sforzi di app marketing. Tuttavia, il CPI non può essere l’unica metrica che monitorate per determinare il successo della vostra app.

Ecco alcuni altri KPI che completeranno la vostra comprensione della performance dell’app:

Tasso di ritenzione: Questa è una metrica di coinvolgimento che dice alle aziende quanti utenti continuano a usare un’app dopo un periodo di tempo passato. Questo dà alle aziende un senso del loro pubblico attivamente impegnato.

Tasso di crescita degli utenti: Questa metrica misura quanto la vostra base di utenti sia cresciuta (o diminuita) in un dato periodo di tempo. Questa è una misura standard delle prestazioni nel tempo.

Crash: Come la tua app acquisisce più utenti, più è probabile che vada in crash. Vorrai tenere traccia del numero di crash e di come questo influisce su altre metriche di performance dell’app.

ROI: Il ritorno sull’investimento vi dirà se le prestazioni dell’app stanno contribuendo positivamente alla vostra linea di fondo, rendendolo un essenziale per tutti i team di sviluppo di app.

Velocità di caricamento: Questo è il tempo medio di caricamento di un’app dopo essere stata cliccata da un utente. App più lente significano tipicamente un minore coinvolgimento da parte degli utenti.

Ci sono tonnellate di KPI là fuori, ma questi dovrebbero basarsi sulle informazioni che CPI fornisce. Le metriche delle app di cui sopra vi terranno informati sull’impegno e l’esperienza degli utenti dopo il download delle app.

4 benefici del marketing CPI

CPI è una metrica potente che è ideale per una vasta gamma di case di sviluppo di app. Ecco solo alcuni dei benefici che il monitoraggio del CPI può avere sul tuo prodotto:

  • Mostra le prestazioni di marketing delle app
  • Aiuta a segmentare il pubblico
  • Fornisce intuizioni che mantengono bassi i costi
  • Enfatizza il viaggio dell’utente prima del download

1. Mostra le prestazioni di App Marketing

Il marketing CPI è tanto una metrica di marketing quanto un KPI dell’applicazione mobile, il che lo rende primario per gli app marketer di tutto il mondo.

La formula CPI calcola quanto costa ogni installazione. Non ha nulla a che fare con le prestazioni in-app, i tempi di inattività, i bug o l’esperienza dell’utente.

 

Isolando la prima parte del viaggio dell’utente (il download iniziale), la vostra azienda sta valutando la qualità della campagna di app marketing. Questo include la qualità degli annunci, la grafica, i video, e altre promozioni che sono andate nell’attrarre una base di utenti.

Il marketing CPI è un sistema destinato ad essere iterativo. Le aziende che usano il CPI come un modo per giudicare le loro pratiche di marketing saranno in grado di adattarsi rapidamente quando il CPI tende al ribasso.

2. Aiuta a segmentare il pubblico

Rivedere le informazioni demografiche rispetto alla vostra metrica CPI nel tempo aiuterà le aziende che commercializzano nuove app a segmentare accuratamente il loro pubblico.

Valutando i tipi di utenti che stanno cliccando e scaricando la tua app mobile, puoi imparare i tratti del tuo pubblico. Con questa conoscenza, è possibile commercializzare più efficacemente a loro.

Per esempio, le aziende segmentano regolarmente il pubblico in base alla posizione geografica, alle informazioni demografiche, alle abitudini comportamentali di acquisto e alle presunte credenze e valori.

Confrontando i dati CPI con le informazioni demografiche, capirete il pubblico a cui vi rivolgete attualmente con la vostra pubblicità.

Puoi usare queste informazioni per regolare le campagne pubblicitarie in base ai tuoi obiettivi di target. Se scoprite che siete interessati a un pubblico che non avevate considerato prima, potete lavorare anche con loro nei vostri piani di marketing.

3. Ti mantiene nel budget

Uno dei vantaggi principali del monitoraggio attivo del CPI è che sei in grado di catturare rapidamente i problemi della campagna pubblicitaria e affrontarli prima di soffrire problemi finanziari.

Gli app marketplace rendono molto facile modificare il tuo budget cap giornaliero e la campagna complessiva sulle dashboard di gestione degli annunci. Ciò significa che è possibile adattare il budget alle prestazioni della campagna pubblicitaria, fino a quando le metriche di performance possono indicare che è necessario un cambiamento.

Le aziende trarranno beneficio dal monitoraggio del CPI su base regolare. Quando questi dati vengono tracciati nel tempo, è facile individuare le tendenze al ribasso del costo per download.

Se i costi stanno diventando troppo alti (CPI aumenta), è possibile effettuare rapidamente aggiustamenti al vostro manager pubblicitario che ridurrà la spesa fino a quando non è possibile diagnosticare ulteriormente il problema.

Usando il CPI come indicatore della performance degli annunci, avrai la flessibilità per reagire alle sfide con grazia.

4. Enfatizza il viaggio dell’utente prima del download

Molte metriche delle app mobili che traccerai coinvolgeranno le prestazioni dell’app e l’esperienza dell’utente – tutto ciò che gli utenti sperimentano dopo aver scaricato la tua app. CPI diagnostica la qualità di tutto ciò che accade prima che gli utenti premano “installa”.

Mentre è importante capire tutto il possibile sulle prestazioni dell’app, è anche importante assicurarsi che i vostri sforzi di marketing e di branding siano all’altezza. Il CPI ti informa se il tuo messaggio nella copia dell’annuncio e le tue inserzioni sul marketplace risuonano o meno con il tuo pubblico.

Se avete un alto costo per installazione, questo può indicare che i vostri materiali di marketing non stanno collegando con il pubblico. Le aziende in questa situazione possono avere un grande volume di persone che cliccano su un annuncio ma una bassa percentuale di quelle persone che scaricano l’app.

Queste informazioni puntano i marketer di app al loro elenco di applicazioni. Non ci possono essere abbastanza informazioni convincenti per guidare i download. In questo caso, i commercianti di app devono assicurarsi di includere tutte le seguenti informazioni in un elenco di app:

  • Nome completo dell’applicazione
  • Descrizione approfondita dell’app
  • Screenshot dell’esperienza in-app
  • Video dell’esperienza in-app
  • Un elenco di caratteristiche
  • Un logo e una grafica dell’app

Riempiendo il tuo annuncio con informazioni oneste e convincenti sulla tua app, il tuo team probabilmente aumenterà la quantità di download e abbasserà il CPI complessivo.

Il marketing CPI assiste i venditori di app

Anche se il marketing CPI non dà un’idea della performance dell’app, ha il potere di convalidare la qualità di una campagna di marketing per app mobili. Mostrando se la tua app sta ottenendo download, il CPI aiuta i marketer a capire se la loro messaggistica sta convincendo le persone a diventare utenti dell’app.

 

 

Condividi questo articolo:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*