10 passaggi per il beta test dell’app mobile

Condividi questo articolo:


Molte aziende investono in app ma spesso colpiscono immediatamente il pubblico senza sottoporsi a rigorosi beta test. Questo è un grosso errore che, per fortuna, può essere evitato con una pianificazione adeguata.

Il beta test è una parte importante del processo di avvio dell’app. Dopo che gli sviluppatori hanno testato la loro app (che è un rigoroso processo di test chiamato alpha test), la spingono in avanti verso utenti reali per testarla. A questo punto, hanno l’opportunità di risolvere grandi difetti prima di rendere l’app disponibile per un pubblico più ampio.

Cosa faranno i beta tester? Usano costantemente l’app per un periodo di tempo specifico. Segnalano eventuali bug o problemi e danno il loro feedback sull’app. Questo aiuta gli editori di app a decidere se la loro app è pronta per il loro pubblico reale. In caso contrario, avranno tempo per continuare a migliorare prima che colpisca gli app store.

Quindi, come si ottiene il beta test giusto? Ecco 10 passaggi essenziali che dovresti seguire.

1. Decidi quanti tester hai bisogno

Quante persone coinvolgerete durante il periodo di beta test? Tieni presente che non tutti i tester ti daranno un feedback prezioso. Alcuni di loro non rileveranno bug e alcuni ti diranno che l’app è piaciuta anche se hanno riscontrato problemi con essa. Scrivere “è tutto ok” è più semplice che fornire un feedback dettagliato.

Detto questo, non puoi avere solo 10 tester. Tuttavia, non dovresti nemmeno avere troppi tester. Se, ad esempio, ottieni 1.000 tester per un’app, sarà difficile elaborare il feedback.

In generale, si consiglia di ottenere 100-300 beta tester per assicurarsi che l’app funzioni bene prima di avviarla. Questo ti dà abbastanza feedback su cui lavorare, ma non ne rimarrai sopraffatto.

2. Decidi quale tipo di tester hai bisogno

A seconda dei tuoi obiettivi, devi decidere quale tipo di persona selezionare come beta tester in base al loro background ed esperienza. Lo sviluppo di un beta tester ti aiuterà a scegliere gli utenti giusti per questa fase di sviluppo.

Esistono due tipi di beta tester: tecnico (rilevano i bug e forniscono feedback costruttivi) e marketing (di solito sono influenzatori, che aumentano la consapevolezza prima che la tua app venga lanciata). In questo articolo, ci siamo concentrati sui beta tester tecnici.

3. Sviluppa una persona beta tester

Durante la parte di pianificazione del processo di sviluppo dell’app, probabilmente hai definito la persona dell’utente. Hai sviluppato l’intero concetto intorno a quell’utente finale e probabilmente avevi in ​​mente diverse domande:

Che problemi hanno?
Di quali soluzioni hanno bisogno?
Quali soluzioni posso fornire?
Cosa indurrebbe questa persona a utilizzare un’app su base giornaliera?
Quali funzionalità stanno cercando?
Avrai bisogno di quella persona dell’utente anche durante lo sviluppo della campagna di marketing. Hai anche bisogno di una persona quando cerchi beta tester. A questo punto, hai requisiti aggiuntivi:

Quali obiettivi hai per la fase di beta test?
Vuoi ottenere la richiesta di funzionalità? Scopri i bug? Sviluppare un pubblico di primi utenti? Portare consapevolezza all’app?
In base alle tue esigenze, rispondi a questa domanda: quali competenze vuoi che questa persona abbia? Da lì, è più facile costruire la persona che stai cercando.

4. Concedi un periodo di prova

Quanto durerà il beta test? Se non pianifichi un periodo di tempo per il periodo di prova, può andare avanti per anni.

TacoBot, ad esempio, è stato annunciato nel 2016, ma non ha ancora raggiunto il suo pubblico. Non desideri estendere la pagina di beta test a un periodo di tempo indefinito.

Ciò non significa che dovresti correre attraverso il beta test. Deve essere accurato. Dovresti dare ai beta tester abbastanza tempo per provare tutte le funzionalità dell’app e rilevare tutti i suoi problemi.

Quanto dovrebbe durare il beta test? Secondo Centercode, la risposta a questa domanda dipenderà da alcuni fattori: obiettivi, risorse, limiti del tester e numero di fasi di test che si sceglie.

5. Trova i tuoi beta tester

Quindi, dove trovi le persone che testeranno la tua app e forniranno feedback preziosi? Ci sono alcuni posti che puoi provare:

Erli Bird
BetaList
Betabound
betatester
Quelle erano poche piattaforme specializzate che possono collegarti con i beta tester. Puoi anche cercare tester via Twitter, Reddit e Quora. Usa un hashtag appropriato, come #testmyapp su Twitter, e le persone inizieranno a contattarti. Puoi condividere le notizie su specifici subreddit, come / r / TestMyApp. Per quanto riguarda Quora, troverai beta tester e influencer esperti che rispondono alle domande su questo argomento. Contattali!

6. Fornisci l’app ai tuoi beta tester

Sei arrivato al punto di distribuzione effettiva? È fantastico! Se è la prima volta che affronti il ​​beta test, ti starai chiedendo: come lo farai?

Esistono piattaforme di distribuzione di app tra cui scegliere. Questi sono solo alcuni di essi:

AppBlade
Google Play Console
Appaloosa
PROVA Scelta dei colori

File:TestFlight-logo.png

7. Mantieni impegnati i tester

Quindi hai sviluppato la persona beta tester, hai trovato i tuoi beta tester e hai distribuito l’app con le istruzioni su ciò che stai sperimentando

ct. E adesso? Devi assicurarti che questo processo fornisca i risultati di cui hai bisogno. Vuoi il loro contributo, quindi devi motivarli a utilizzare la tua app e condividere feedback.

Puoi farlo fornendo vari incentivi. Ad esempio, puoi assegnare loro dei codici in modo che possano ottenere gratuitamente funzioni premium. Non perderai molti soldi, ma incoraggerai i tester a trascorrere più tempo con la tua app.

8. Prendi in considerazione le loro opinioni

Quando i tuoi beta tester ti informano sui bug, farai chiaramente di tutto per risolverli. Ma cosa succede quando ti danno consigli per migliorare? Hai lavorato duramente per alcune funzionalità, ma risulta che alla maggior parte dei beta tester non piacciono.

Hai trovato la tua comunità. Il minimo che puoi fare è fidarti di queste persone. Qualunque siano i commenti o le domande che forniscono, prendili in considerazione mentre stai migliorando la tua app prima del rilascio.

9. Sii selettivo

Il punto sopra indica che dovresti apportare ogni singola modifica suggerita dai tuoi beta tester? Assolutamente no. Dovresti ascoltarli e considerarli, ma puoi procedere solo con quei suggerimenti che hanno senso. Quando si implementano tali modifiche, testarle anche!

10. Mantenere i collegamenti

Dopo aver superato con successo una fase di beta test, ti renderai conto di quanto sia importante per il successo complessivo della tua app. Quando crei connessioni con beta tester appassionati, a cui piace provare nuove app, mantenerle. Contattali ogni volta che sviluppi una nuova app che necessita di test.

 

Come ottenere più utenti beta per testare la tua app o il tuo sito Web

“Se potessimo ottenere più utenti beta per iscriversi al nostro test di app, saremmo eroi!”, Ha detto ogni fondatore di startup.

È importante tenere presente che le iscrizioni sono utili solo nella misura in cui portano a coinvolgimento, feedback, referral o altri risultati positivi. Non si tratta solo di convincere più utenti beta a testare la tua app. Nella fase di beta test, il tuo obiettivo finale dovrebbe essere quello di migliorare alcune altre metriche chiave, ad esempio utenti attivi o entrate, o semplicemente di raccogliere feedback in modo da poter continuare a migliorare. Mentre costruisci la tua app, assicurati di tenere a mente l’obiettivo finale, perché le iscrizioni sono solo il primo passo. I grandi prodotti di solito nascono attraverso l’iterazione e il feedback dei clienti, cosa che possiamo aiutare a fornire con i nostri pacchetti di beta test.

Detto questo, incoraggiamo ogni startup a fare confusione e fare uso di ogni risorsa gratuita e strategia di marketing comprovata per convincere più utenti beta a testare la tua app.

Ecco alcuni modi comprovati per ottenere più utenti beta per testare la tua app:

Esposizione online gratuita: sfrutta al massimo l’esposizione online gratuita. Alcune grandi opzioni:
BetaList – Ottima risorsa per ottenere iscrizioni pre-lancio
ProductHunt: una volta lanciato
Gruppi di Facebook – Esistono probabilmente numerosi gruppi di Facebook che includono il tuo pubblico di destinazione. Unirsi a questi gruppi e impegnarsi attivamente nella conversazione con i membri e aggiungere valore al gruppo può essere un ottimo modo per interagire direttamente con il pubblico e aggiungere utenti al tuo elenco beta.
Reddit – Reddit ha un gran numero di pubblici molto attivi sparsi in molte diverse aree di interesse. Potrebbero esserci dei sub-rossetti rilevanti per il tuo prodotto in cui puoi presentare il tuo prodotto e ottenere feedback. Questo è un altro ottimo modo per coinvolgere il tuo mercato di riferimento e spargere la voce.
Ottieni stampa – Questo sito web ha un fantastico database di giornalisti tecnologici, blog degli ospiti e influencer: http://tech-blogs-list.com/
Blogging: inizia a bloggare sul tuo prodotto anche prima del lancio. Il content marketing può essere un’ottima strategia per attirare l’interesse per il lancio del tuo prodotto. Puoi anche aggiungere un link alla pagina di destinazione nei post del tuo blog in cui gli utenti possono iscriversi alla tua lista di email beta.
Elenco e-mail: inizia a creare un elenco e-mail e coinvolgi il tuo pubblico inviando loro contenuti preziosi / interessanti. Dovresti iniziare mentre stai costruendo il tuo prodotto (non una volta finito). In questo modo, al momento del lancio avrai un pubblico che è già ricettivo verso te e il tuo prodotto.
Quora – Un altro ottimo sito Web per ottenere credibilità con il tuo pubblico e ottenere visibilità. Puoi cercare domande pertinenti per il tuo pubblico di destinazione e fornire risposte e soluzioni utili.
Pubblicizza – Fai pubblicità usando Google Adwords o Facebook – Anche se potresti essere in grado di ottenere alcuni utenti gratuitamente, se stai cercando un numero significativo di iscrizioni beta, dovrai investire nell’acquisizione degli utenti.
Chiedi aiuto: ci sono diverse aziende specializzate in beta test e che possono aiutarti.
Cose a cui prestare attenzione durante il periodo beta:

Non far rimanere gli utenti nella tua lista d’attesa per troppo tempo. Più a lungo devono aspettare, più è probabile che si dimentichino di te o perdano interesse, con una percentuale minore di essi effettivamente coinvolti quando alla fine ti avvierai.
Non aspettarti che tutti nel tuo elenco anticipino con ansia il tuo lancio. Molto probabilmente, solo il 25-50- circa degli utenti nel tuo elenco sarà effettivamente coinvolto.
Non comunicare regolarmente con la tua lista comporterà anche la mancanza di interesse. Assicurati di invitarli a far parte della costruzione del tuo prodotto. Puoi tenerli aggiornati alla data di lancio, inviare sondaggi e raccogliere feedback.
Per ottenere la massima qualità, coinvolgimento e feedback, assicurati che le tue iscrizioni beta facciano parte del tuo mercato di riferimento. Non è molto efficace avere solo persone nella tua lista solo per avere un elenco. Se sono le persone giuste, è più probabile che siano più interessati e coinvolti con il prodotto.
Fai del tuo meglio per rimuovere tutti i blocchi stradali. Ogni difficoltà che i tuoi utenti incontreranno comporterà un minor numero di utenti coinvolti e che forniranno feedback. Alcune cose a cui fare attenzione: – I tester hanno bisogno di un codice di invito? Devono installare un profilo sul proprio dispositivo iOS in modo da poter raccogliere il loro UDID? Devono confermare la loro e-mail (o numero di telefono) prima di accedere? Devono installare TestFlight? Devono attendere giorni o mesi per ottenere l’accesso?
Alcune buone tecniche per aumentare il coinvolgimento durante il processo di beta test:

Mantieni gli utenti coinvolti e dai loro un motivo per tornare. Comunicare con loro tramite e-mail e notifiche delle app.
Rendi estremamente facile per le persone testare e dare feedback. Non far saltare le persone attraverso i cerchi.
Creare un processo di test formale con scadenze, sondaggi, incentivi e comunicazioni regolari. Gli utenti dovrebbero sapere cosa stanno testando, di cosa hai bisogno da loro, come possono aiutare e cosa sono io


Per ulteriori informazioni visita il sito: immagi.net

Condividi questo articolo: